Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 511
CHIARAMONTE GULFI - 16/09/2011
Politica - Prende il posto del dimissionario Mario Bentivegna

Vargetto nuovo presidente del consiglio comunale

Il neo presidente ha ottenuto otto voti, vale a dire la maggioranza assoluta e quindi l’elezione è avvenuta a primo scrutinio Foto Corrierediragusa.it

Cambio di guardia ai vertici del Consiglio Comunale. Il nuovo presidente è da mercoledì notte Salvatore Vargetto (foto) che ha preso il posto del dimissionario Mario Bentivegna. Il neo presidente ha ottenuto otto voti, vale a dire la maggioranza assoluta e quindi l’elezione è avvenuta a primo scrutinio. Per Salvatore Vargetto hanno votato i due consiglieri dell’Api ( Carmelo Ragusa, Giovanni Morreale), i due presenti in aula dell’Mpa (Barbara Vella e Mario Giudice) e i quattro del gruppo misto (Gianni Rizza, Tina Ansaldi, Vito Sanzone e lo stesso eletto). Cinque voti li ha ottenuti, invece, Vito Alescio, attuale vice presidente ed espressione della lista civica «Nicastro Sindaco». Per lui hanno votato i compagni di gruppo oltre allo stesso ( Alessandro Giaquinta, Sebastiano Gueli, Giovanni Cappello e Paolo Battaglia).

Una sola scheda bianca, riconducibile, per sua stessa ammissione, al presidente dimissionario, Mario Bentivegna che, dopo aver letto una sua dichiarazione sui motivi che lo hanno indotto a rassegnare il mandato, ha annunciato di non voler far parte di nessun gruppo consiliare. Non appena insediato, Salvatore Vargetto, ha più volte affermato che occorre ritrovare il dialogo tra le varie componenti politiche del consiglio. La città, questo il suo pensiero, richiede atti concreti e va superata la reciproca delegittimazione tra la maggioranza del Consiglio e l’Amministrazione comunale. Quindi, tradotto in soldoni, trovare la quadra per ripartire il consistente avanzo d’amministrazione, pari a ben 414 mila euro. Poi il resto, in questo scorcio di legislatura ( si voterà il prossimo maggio) viene da se.