Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 682
CHIARAMONTE GULFI - 04/07/2011
Politica - Sommovimenti in Consiglio comunale

Il capogruppo consiliare Sanzone molla «Chiaramonte che Vorreste»

Questa scelta avrà certamente il suo peso nelle strategie che si annunciano in vita delle amministrative del prossimo anno
Foto CorrierediRagusa.it

Tra i tanti sommovimenti all’interno del Consiglio comunale, l’ultimo in ordine di tempo è quello che farà più di tutti discutere. Vito Sanzone (foto), medico chirurgo e personaggio di spicco della politica locale, ha lasciato il gruppo consiliare di «Chiaramonte che Vorreste» che ha sostenuto, quattro anni fa, la candidatura a Sindaco di Sebastiano Gurrieri. Fino ad ieri è stato capogruppo consiliare ed ora è confluito nel gruppo misto.

Nessuno si aspettava una scelta del genere, anche perché Sanzone è restato al suo posto anche quando metà dei consiglieri del suo gruppo (Mario Giudice, Giovanni Inghisciano e Barbara Vella) ha abbandonato il progetto politico originario per aderire ad uno nuovo, sotto l’egida de l’MPA. Vito Sanzone ha gestito anche l’uscita di scena di Paolo Divita che ha rimesso il mandato per motivi «personali». In questi quattro anni sembrava che il suo impegno politico, sotto la bandiera di Sebastiano Gurrieri, fosse incrollabile. Ma non è stato così.

Rimangano fedeli al disegno politico di «Chiaramonte che Vorreste» solo due dei sei consiglieri eletti nel 2007 (Giovanni Morreale e Carmelo Ragusa). Questa scelta di Vito Sanzone avrà certamente il suo peso nelle strategie che si annunciano in vita delle amministrative del prossimo anno e viene letta come un chiaro segnale di smarcarsi da Gurrieri. Nel prossimo futuro si capirà meglio come si muoverà Vito Sanzone. L’unica cosa certa, allo stato attuale, è che sono iniziati i giochi e le strategie per posizionarsi, in vista dell’appuntamento elettorale del 2012.