Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 17 Gennaio 2019 - Aggiornato alle 23:10
ACATE - 30/10/2018
Politica - Il punto sull’azione dei primi mesi di attività amministrativa

Bilancio positivo tracciato dal sindaco di Acate Di Natale

"Sono stati mesi intensi di duro lavoro" Foto Corrierediragusa.it

Il sindaco di Acate Giovanni Di Natale (foto) ha fatto il punto sull’azione dei primi mesi di attività amministrativa, illustrando ai cittadini la pesante situazione ereditata e i primi risultati raggiunti durante questo primo scorcio di mandato. Attraverso una diretta Facebook il sindaco ha parlato ampiamente del lavoro svolto e ha annunciato una campagna di comunicazione per spiegare agli acatesi gli obiettivi già centrati dall’amministrazione Di Natale. In particolare il sindaco si è soffermato sui finanziamenti ottenuti, sulla progettualità messa in campo e sulle emergenze affrontate.

«Sono stati mesi intensi di duro lavoro – ha esordito il sindaco – durante i quali abbiamo toccato con mano e affrontato la gravissima e pesantissima situazione ereditata. Mesi, durante i quali, abbiamo lavorato in silenzio e a testa bassa. Abbiamo ereditato una città in dissesto, senza bilanci da anni, con i servizi forniti ai cittadini ai minimi storici, con un’estate senza alcuna programmazione, senza progettualità e con una macchina amministrativa ingolfata e ingessata».

«Così – ha proseguito il primo cittadino – abbiamo, sin da subito, riorganizzato l’ente comunale e la burocrazia amministrativa per dare al cittadino servizi migliori e un migliore ascolto, con una capillare revisione degli uffici. Abbiamo programmato in pochissime settimane, visto che ci siamo insediati a metà giugno, l’estate di Marina di Acate facendo partire anche nella frazione la raccolta differenziata e stilando un calendario di appuntamenti che hanno animato la stagione come non accadeva da tempo. Inoltre – grazia a un progetto di cooperazione internazionale – stiamo concorrendo a un finanziamento per la riqualificazione delle coste per oltre un milione e 300mila euro».

«L’altra grandissima emergenza ereditata – ha evidenziato Di Natale – è stata quella idrica. A giugno la città era, in molte zone senz’acqua, e abbiamo una rete idrica vecchissima, senza interventi di manutenzione straordinaria da anni e anni, e senza alcuna programmazione nella ricerca di fondi utili per intervenire. Abbiamo, quindi, deciso di invertire la rotta e di investire nella riparazione di alcune tratte della condotta e altri interventi saranno previsti nel corso del tempo con un preciso cronoprogramma. Parallelamente ho avviato una serie di incontri istituzionali con Sicilacque per cercare soluzioni per l’approvvigionamento».

«Dopo l’estate e l’acqua, l’altra grande emergenza affrontata è stata quella della edilizia scolastica. Abbiamo, prima, effettuato con la mia giunta sopralluoghi per verificare lo stato delle strutture scolastiche e programmare gli interventi più urgenti per garantire sicurezza ai nostri figli. Inoltre abbiamo ottenuto un contributo di 40mila euro per la scuola media Volta e presentato anche un progetto di efficientamento energetico per 350mila euro».
«Una volta affrontate queste impellenti emergenze – prosegue il sindaco – ci siamo concentrati sui grandi temi: l’agricoltura, la riqualificazione urbana, l’ambiente. La nostra agricoltura, che vive le stesse grandissime sofferenze di tutto il settore, deve essere sostenuta e aiutata. Per questa ragione abbiamo già ottenuto il finanziamento di un progetto di circa 45mila euro per la promozione dei nostri prodotti e abbiamo, con gli altri Comuni dell’area, inoltrato alla Regione Siciliana la richiesta per i danni da cracking dell’uva.

Per Acate e per gli acatesi stiamo avviando i cantieri di lavoro: una opportunità per la riqualificazione di diverse aree e per dare una mano di aiuto ai nostri concittadini in difficoltà. Parallelamente abbiamo iniziato i lavori all’interno del nostro splendido Castello e avviato una campagna, anche attraverso i social, contro l’abbandono indiscriminato dei rifiuti installando, altresì, diverse videocamere di sorveglianza e stiamo redigendo il nuovo bando pubblico per la prossima gara. Un bando che ci permetterà di avere un servizio migliore, puntuale e di incrementare la percentuale di differenziata».