Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1093
ACATE - 15/09/2016
Politica - Il movimento pentastellato propone un mozione di sfiducia, "Insieme" ci sta e rilancia

Sindaco Raffo da mandare a casa, M5S ci riprova

E’ la seconda volta nel giro di pochi mesi che viene assunta l’iniziativa Foto Corrierediragusa.it

Il Movimento 5 Stelle e il gruppo Insieme ci riprovano. Il M5S vuole mandare a casa il sindaco Franco Raffo (foto) e propone una mozione di sfiducia. E’ la seconda volta nel giro di pochi mesi che pentastellati e il gruppo «Insieme» provano a cacciare il sindaco. Il 22 gennaio i consiglieri pentastellati avevano proposto la mozione ma non fu raggiunto il numero richiesto per far decadere sindaco e giunta. L’occasione fu data dall’iniziativa assunta dal sindaco di far sciogliere il consiglio per la mancata adozione del conto consuntivo. La mozione di decadenza del sindaco in quel caso raccolse solo 8 adesioni invece delle necessarie 12 su un totale di 15 componenti il consiglio. Movimento 5 Stelle e Insieme sono uniti sulla stessa linea.

Un documento del gruppo Insieme dice: «Il gruppo voterà si allorchè sarà trattata la proposta di sfiducia contro il Sindaco presentata dai consiglieri del Movimento Cinque Stelle. Non solo condividiamo le motivazioni che stanno alla base della richiesta della mozione di sfiducia, ma ci riserviamo di aggiungerne altre nel corso della prossima seduta del Consiglio. Se la mozione contro il Sindaco non dovesse raggiungere i dodici voti richiesti dalla legge per la sua approvazione, il Gruppo di Insieme per Acate presenterà una proposta di dimissioni in blocco dei membri del consiglio comunale per porre fine ad una delle peggiori sindacature dal dopoguerra ad oggi. Raffo non ha più titoli né politici né morali a rappresentare la volontà del popolo acatese».