Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 778
ACATE - 14/08/2016
Politica - Votato all’unanimità dal Consiglio comunale

Acate ha dichiarato il dissesto, 20 milioni di deficit

Il sindaco ha sostenuto che Acate non è in dissesto per i debiti e si è dichiarato esente da responsabilità Foto Corrierediragusa.it

Acate ha dichiarato il dissesto. Il consiglio comunale ha votato la delibera all’unanimità visto che la situazione economica finanziaria dell’ente era ormai allo sfascio. Venti milioni di passivo e tra i 6 e i 7 di mutui da pagare sono le cifre che hanno convinto maggioranza e opposizione a compiere il passo decisivo. Il dibattito in aula ha visto il sindaco Giuseppe Raffo (foto) risalire ad una delibera del 2012 con la quale viene consentito allo Stato di trattenere l’Imu. Il sindaco ha sostenuto che Acate non è in dissesto per i debiti e si è dichiarato esente da responsabilità perché non ha firmato nel corso della sua amministrazione alcun atto che ha aggravato la situazione debitoria del comune. Il sindaco ha poi chiamato in causa funzionari del comune che non hanno agito negli anni precedenti in coerenza con quanto avevano dichiarato in relazioni varie. Il coordinamento cittadino di Insieme parla invece di una «scellerata ed incompetente gestione del Comune che ha portato Acate al peggiore evento economico-finanziario della sua storia». A Raffo viene addebitato lo sfascio degli uffici comunali, il ricorso ad esperti esterni e dal punto di vista politico la perdita della maggioranza in consiglio. Per Giovanni Occhipinti, M5S, il dissesto si sarebbe potuto evitare se il sindaco si fosse circondato da persone capaci e competenti.