Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1003
ACATE - 26/05/2016
Politica - Sono stati titolari delle deleghe ai Lavori Pubblici e allo sport sin dall’inizio

Acate, si dimettono Dorothy Cutrera e Salvatore Li Calzi

I due hanno motivato la loro decisione per motivi personali. Il sindaco Raffo: "Clima pesante" Foto Corrierediragusa.it

L’amministrazione Raffo perde i pezzi. In un colpo solo si sono dimessi, ufficialmente per «motivi personali», il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici, Dorothy Cutrera (foto), e l’assessore allo sport, Salvatore Li Calzi. I due esponenti di Forza Italia hanno fatto parte sin dall’inizio della giunta Raffo ed hanno tenuto a precisare che il loro partito continuerà a sostenere il sindaco. Si tratta indubbiamente di un colpo duro per il sindaco ancora alle prese con l’approvazione del bilancio e con un ente sull’orlo del dissesto e in gravi difficoltà.

«La nostra decisione -hanno scritto i due ex assessori- non dipende da fatti o motivi legati al nostro ruolo di assessore. Abbiamo svolto i nostri compiti con grande passione e servizio per la comunità. Ultimamente sono venute meno le condizioni che non hanno permesso di garantire lo stesso impegno e nei riguardi del sindaco e nei riguardi della cittadinanza abbiamo deciso di fare un passo indietro». Dal punto di vista politico non dovrebbero cambiare gli equilibri ma la situazione si fa difficile e per il sindaco c’è ora la necessità di coprire i ruoli dei dimissionari. Per Giuseppe Raffo le dimissioni di Cutrera e Li Calzi sono da attribuire al «clima di terrorismo politico che non permette di portare avanti le proprie idee e i progetti senza che la dialettica scenda a livelli bassissimi non solo politici ma anche se soprattutto di carattere personale».