Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:57 - Lettori online 751
ACATE - 18/01/2015
Politica - Dura nota della Cisl Fp Ragusa-Siracusa

Nessun dialogo col sindaco di Acate: denuncia Fp Cisl

La delegazione trattante ha approvato la pre intesa del contratto integrativo aziendale, scaduto da tanto tempo, ma ad oggi la giunta comunale non ha ancora provveduto a dare l’autorizzazione per la sottoscrizione definitiva Foto Corrierediragusa.it

Una segnalazione sui gravi problemi gestionali al Comune di Acate e non solo giunge tramite la nota della Fp Cisl Ragusa-Siracusa a firma del segretario territoriale Antonio Nicosia, indirizzata anche al prefetto di Ragusa. "Sin dalla elezione alla carica di sindaco di Francesco Raffo (foto) non si riesce ad avere un minimo di relazioni istituzionali con il primo cittadino - si legge nella nota - e con i componenti della sua amministrazione. Oltre ai sindacati, anche i dipendenti hanno provato a relazionarsi con il sindaco ottenendo solo un vistoso e chiaro rifiuto al dialogo. Tra gli ultimi episodi che si segnalano quello che riguarda l´apertura e la chiusura degli uffici comunali è a nostro avviso il più emblematico. Il sindaco Raffo - continua la nota - dopo l´increscioso episodio di un furto (senza nessun segno visibile di scasso) all´interno delle sede centrale del Comune ha deciso di cambiare la serratura al portone d´ingresso trattenendo per sé le chiavi. Così si assiste all´umiliante scena di dipendenti che attendono fuori dal palazzo Comunale che qualcuno apra il portone, apertura che avviene anche con diversi minuti di ritardo. Poi alle ore 14 tutti fuori perché si chiude.

È capitato di recente che il sindaco, che è anche dirigente scolastico, ha incaricato della apertura del comune un bidello dipendente della scuola, distogliendolo così dalle sue attività.

Inoltre - conclude la nota - la delegazione trattante ha approvato la pre intesa del contratto integrativo aziendale, scaduto da tanto tempo, ma ad oggi la giunta comunale non ha ancora provveduto a dare l´autorizzazione per la sottoscrizione definitiva, con grave pregiudizio dell´azione amministrativa".