Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 933
ACATE - 26/05/2008
Politica - Acate - Giovanni Caruso, Franco Raffo ed Enzo Longo

Acate: per la candidatura
a sindaco è corsa a 3

Un terzetto di ex democristiani per la poltrona di primo cittadino Foto Corrierediragusa.it

Tre ex democristiani in corsa per la carica di sindaco ad Acate. Giovanni Caruso, sindaco in carica, Franco Raffo ed Enzo Longo sono cresciuti tutti nel grande seno della ex «balena bianca».

Caruso e Raffo hanno militato a lungo nella Democrazia Cristiana e sono stati sindaco della città a cavallo tra gli anni 80 e gli anni 90. Longo era stato candidato sindaco nel 1994. Caruso subentrò a Raffo negli anni difficili del ’92, delle inchieste di Mani Pulite, della crisi della politica e dei partiti. Poi, dopo l’introduzione della nuova legge sull’elezione diretta dei sindaci, il primo sindaco della città eletto dal popolo fu Gaetano Masaracchio (AN). La storia degli anni successivi, ad Acate, vide la sindacatura di Maria Battaglia (PPI) che battè Masaracchio.

Nella tornata successiva non si è ripresentata e venne eletto sindaco Giovanni Caruso. Dopo cinque anni, una nuova sfida, stavolta a tre. Caruso (oggi esponente dell’Udc) tenta la riconferma dopo cinque anni alla guida della cittadina. Franco Raffo (a lungo lontano della politica attiva), è rientrato nell’agone sotto l’egida dell’Mpa. Enzo Longo, a sua volta ex Udc, ha fondato un suo movimento politico «La Svolta» che, in questa tornata elettorale, ha trovato l’alleanza con il Partito Democratico. La corsa elettorale è avvincente. Già presentate le tre liste, ciascuna con quindici candidati, poiché ad Acate si vota con il sistema maggioritario. La lista che otterrà il maggior numero di voti conquisterà nove seggi, la seconda ne avrà sei e sarà la minoranza, una terza resterà esclusa dal consiglio comunale.

I candidati hanno indicato, come prescrive la legge, i nomi dei primi componenti della squadra assessoriale. Giovanni Caruso ha indicato Daniela Giuseppa Amarù, Salvatore Gruccione e Antonia Salemi, tutti indicati dai partiti che lo sostengono, Udc, Forza Italia, AN. Sul nome di quest’ultima, AN si è spaccato e si è giunti persino al commissariamento del circolo, prima retto da Giuseppe Leone ed affidato a Salvatore Minardi. Non c’è, per il momento, nessuno degli uscenti.

Franco Raffo ha indicato due giovani, Anita Cognata e Giovanni Frasca, ed il giornalista ed operatore sociale Salvatore Cultraro. Nella lista per il consiglio comunale spicca il nome dell’ex presidente provinciale di Italia dei Valori, Giuseppe Di Natale.

Enzo Longo ha scelto come assessori due esponenti del PD, Giovanna Infuso e Francesco Lantino (attuale coordinatore) e la giovane Alice Berrafato.