Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1410
VITTORIA - 29/12/2014
Economia - La difficile situazione finanziaria confermata dall’attuale presidente Paolo Sbezzo

Default Emaia, da fiore all´occhiello del meridione al commissariamento. Conti correnti pignorati, sindaco adirato

Per la presidenza il primo cittadino sta pensando a una nuova soluzione: prevale l’idea di cambiare totalmente il consiglio di amministrazione Foto Corrierediragusa.it

L’Emaia verso il commissariamento. Prima arriva e meglio è. Nel senso che si produrranno meno guai finanziari di quelli già prodotti in questi ultimi tempi. I conti correnti sono pignorati, lo ammette l’attuale presidente Paolo Sbezzo, che ha firmato assegni per pagamenti a fornitori a qualsiasi titolo, puntualmente ritornati indietro all’incasso. Un fatto grave che ha irritato molto il sindaco Giuseppe Nicosia, al punto di pensare che alla scadenza del mandato del direttore Sbezzo l’ente sarà affidata alle mani più esperte del dirigente comunale Giuseppe Sulsenti nella veste di commissario. L’Emaia è sub judice come tutti gli altri soggetti che sono stati azzerati un mese fa: assessori e consigli di amministrazione. La direzione di Sbezzo in scadenza il 31 dicembre non sarà prorogata. Per la presidenza il sindaco sta pensando a una nuova soluzione: prevale l’idea di cambiare totalmente il consiglio di amministrazione. L’Emaia è stato il «fiore all’occhiello» della città. Finire sui media per il pignoramento dei conti non è una bella immagine per l’azienda della quale ci si vantava di essere rimasta l’unica fiera di un certo livello del Meridione.

A spingere sul cambiamento di rotta dell’Emaia, i due consiglieri dell’Udc Daniele Barrano e Santo Cirica, rispettivamente presidente della Commissione Trasparenza e vice presidente della Commissione Bilancio. Entrambi hanno ascoltato il direttore Paolo Sbezzo ed hanno appreso che il personale Vat non naviga in buone acque per quanto riguarda i pagamenti di alcune mensilità. Sono 19 i vat che devono percepire da una a due mensilità del 2012.

Dalle dichiarazioni rese da Sbezzo a Barrano e Cirica, emerge una forte contraddizione con quanto aveva affermato il presidente Giovanni Denaro. «Una situazione molto complessa che, naturalmente, fa a pugni con quanto dichiarato appena qualche settimana fa da Denaro, quando, avendo lanciato per primi l’allarme, ci era stato assicurato che non c’erano problemi e che tutto andava per il meglio. Affermazioni che, adesso, sono smentite dai fatti. In più, aggiungiamo che il personale dell’Emaia deve ancora percepire tre mensilità pregresse mentre le altre due accumulate, nei giorni scorsi, sono state corrisposte».


MA NON DICEVA CHE ANDAVA TUTTO BENE?
30/12/2014 | 15.32.28
BUONANOTTE

A Roma il «cecato» e a Vittoria «u uorbu». Se Nicosia è lo stesso sindaco che conosco io, be’, qualcosa non quadra nei suoi ragionamenti. Ad ogni edizione dell’EMAIA non ha mai fatto mancare il suo apprezzamento per la dirigenza che ne ha determinato, via via, ogni successo (Via via? Ogni? Successo? L’ultima è stata un disastro!) frutto di quella «buona politica» con la quale si riempie la bocca per auto incensarsi e mascherare lo sfascio di una intera città ridotta allo stremo dalle sue scelte politiche e amministrative per lo meno dubbie. Talmente dubbie che ha dovuto azzerare l’intera giunta: che ha accusato egli stesso di inefficienza, ma di cui ha apprezzato l’impegno.
Se questo non è sabotare la Logica, mi spieghi qualcuno cos’è. Intanto la tassazione locale è alle stelle, ma di servizi manco a parlarne. Salvo prepararci al sollazzo di un nuovo beach soccer per l’Estate 2015. «Allegria, signora Longari…».
Più che ammettere il proprio fallimento, sarebbe opportuno correre immediatamente ai ripari con le dovute scuse alla cittadinanza e le irrevocabili dimissioni.


SENZA PRECEDENTI
30/12/2014 | 13.00.27
marcotullio

E´ immaginabile che il rappresentante di un ente pubblico emetta assegni a vuoto? Se è vero, credo che non ci siano precedenti!


disastro annunciato
30/12/2014 | 10.44.29
franco

il commento di prima è più che giusto....come può un sindaco meravigliarsi del fallimento dei suoi uomini di fiducia...in questi anni dormiva per poi risvegliarsi ora?
quando si fallisce bisogna avere il coraggio di ammetterlo......


Il sindaco dormiva?
30/12/2014 | 0.17.36
eldiablo

Il sindaco dormiva? Non si era accorto della bomba che aveva sotto la sedia? BRAVO!