Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1471
VITTORIA - 06/08/2014
Economia - Nuovi particolari interessanti dopo il dibattito sulla crisi avviato dal presidente Pmi

La Cna: "Confindustria dai 2 volti"

Stracquadanio e Santocono evidenziano una palese anomalia: «La politica del credito viene decisa dalle banche con la complicità dei membri di Confindustria che siedono nei consigli di amministrazione degli Istituti di credito» Foto Corrierediragusa.it

«Belle parole di denuncia, quelle del presidente regionale della Piccola e media impresa di Confindustria Giorgio Cappello, ma contro chi? Contro la stessa Confindustria?» Con stile, ma sempre polemica è quella innescata da Giuseppe Santocono e Giorgio Stracquadanio dirigenti della Cna di Vittoria (foto). Giorgio Cappello, anche dalle colonne di Corriere di Ragusa, era intervenuto la settimana scors per lanciare il guanto della sfida alle banche, accusate di mettere il cappio al collo alle piccole e medie imprese praticando un sistema del credito che non può portare solo al collasso, alla macelleria sociale. Dichiarazioni che alla Cna di Vittoria sono piaciute, sebbene cariche di contraddizioni! «Sante parole- rintuzzano Stracquadanio e Santocono- che anche se sono pietre vanno lanciate nella giusta direzione per colpire il bersaglio. Ci sono alcune cose, piccole incongruenze, che andrebbero chiarite».

Le domande che la Cna di Vittoria pone a Giorgio Cappello sono due fendenti che puntano dritto al cuore del problema e inchiodano alle responsabilità dei ruoli. «Ma la politica del credito non la decidono i consigli di amministrazione delle banche, grandi e piccole, e nelle fondazioni che le gestiscono? In quasi tutti i c.d.a. siedono molti esponenti di area Confindustria. Alcuni occupano posizioni di vertice. In questi anni i colleghi confindustriali di Cappello che siedono nei cda non hanno forse avallato politiche del credito che vanno contro le esigenze delle micro e piccole imprese?».

Una sorta di gioco delle parti, quello che sottolineano Stracquadanio e Santocono, che vedono protagonisti, nel bene e nel male, gli stessi soggetti: ora benefattori ora avari nel prestare soldi. «Se è così- continua la replica- esimi esponenti della Confindustria hanno penalizzato quel tessuto produttivo che è la base economica (oltre il 90%) del nostro Paese? Le sue dichiarazioni vanno quindi contro importanti dirigenti della sua stessa organizzazione?»

Una presa di posizione che non evita la polemica. «Va detto con estrema sincerità – concludono Santocono e Stracquadanio -che non è assolutamente nostro interesse polemizzare con chi ha avanzato una doverosa denuncia pubblica; l´ultima di una lunga serie (la Cna da tempo ha evidenziato queste anomalie). Vorremmo però che si spiegasse, non a noi, ma ai tanti che hanno letto le dichiarazioni del dott. Cappello, come è possibile dichiarare di costituirsi parte civile "contro le vessazioni del sistema bancario" se ai vertici di quel sistema siedono imprenditori che aderiscono a Confindustria e in alcuni casi al governo?»


La Cna: "Confindustria dai 2 volti"
12/08/2014 | 15.37.05
Salvatore

Buonasera, leggendo l´articolo "Confindustria dai 2 volti" dove i dirigenti della CNA Vittoria, Giuseppe Santocono e Giorgio Stracquadanio,denunciano le parole di Giorgio Cappello, mi viene da chiedere ... ma lo sanno che gli industriali che fanno parte dei consigli di amministrazione delle banche lo fanno a nome proprio e non come rappresentanti di Confindustria, lo sanno che ci sono imprenditori iscritti alle CNA di altre Regioni d´Italia e anch´essi fanno parte dei consigli di amministrazione delle banche o è solo un modo per fare polemica?? Per un uomo capace, penso sia doveroso e legittimo sedere in CDA banche a dare il proprio contributo ... e ripeto "A PROPRIO NOME".

Buona vita a tutti.

Pozzallo 12 agosto 2014.

Salvatore