Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 920
RAGUSA - 20/07/2010
Economia - Ragusa: non ci si aspettava un totale tracollo

Saldi estivi? Un fallimento. Negozi a rischio chiusura

E’ quanto sostenuto da Antonio Prelati e Gianfranco Paternò, del sindacato comunale Moda

La campagna dei saldi estivi 2010 è andata peggio di quanto si prevedeva, i segnali c’erano ma, a dire di molti commercianti del settore moda associati all’Ascom comunale di Vittoria, non ci si aspettava un totale tracollo.

E´ quanto sostenuto da Antonio Prelati e Gianfranco Paternò, del sindacato comunale Moda. La vendita dei capi d’abbigliamento, di calzature, accessori, non ha avuto ne un buon inizio e non ha avuto una buona fine quest’anno; infatti, maggio e giugno hanno segnato il passo nelle vendite.

La causa: poca moneta circolante determinata della Grande Crisi che da tempo si è conclamata anche nella nostra Città, aggravata da un periodo nero per il settore trainante del nostro territorio, l’agricoltura della Fascia trasformata.

Sono a rischio chiusura molte aziende del settore. Le aziende storiche, ancora resistono, grazie alla loro particolare esperienza nell’approvvigionamento dei capi di abbigliamento acquistati seguendo la tendenza dei consumatori e soprattutto avendo ridotto drasticamente l’assortimento. Soluzione, quest’ultima, poco commerciale ed impensabile fino ad un quinquennio addietro, ma è un sistema che non appesantisce le giacenze e non aggrava economicamente l’azienda.

Per il ceto medio, ridurre gli acquisti è una necessità per non sforare i bilanci familiari e, quindi, ci si accontenta di quello che già si ha; queste le affermazioni dei consumatori.

Le soluzioni, ben poche. È una crisi generalizzata che investe tutti i Paesi. Tranne che la Politica intraprenda azioni per determinare un futuro economico per creare ricchezza diffusa.