Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1159
RAGUSA - 10/03/2010
Economia - Ragusa: convegno a Villa Di Pasquale su finanziamenti comunitari alle Pmi

Imprese, i fondi ci sono, basta saperli ottenere

Al convegno, organizzato anche dal Lions di Comiso, parteciperà l’assessore regionale alle Attività produttive Marco Venturi
Foto CorrierediRagusa.it

Ci sono moltissimi imprenditori che non sanno quante opportunità esistono per accedere a finanziamenti comunitari in maniera legale e trasparente. E se lo sanno, spesso, presentano pratiche incomplete o incongrue al punto da rimanere fuori dalle graduatorie.

Ecco un convegno ad hoc e di livello regionale organizzato a Villa Di Pasquale, venerdì 12 alle ore 17, per fare prendere coscienza al mondo economico ed imprenditoriale che se si sa e si fa bene all’interno di un processo virtuoso la crisi si può contrastare se non proprio debellare.

I fondi comunitari –spiegano gli organizzatori del convegno- sono ancora oggi il più valido strumento per le imprese siciliane e del Sud Italia. Spesso però, restano in parte inutilizzati a causa dell’assoluta carenza di progettualità da parte dei beneficiari finali, le imprese. Un male atavico anche per la Sicilia che, come purtroppo confermano le statistiche, ha dovuto riconsegnare alla Comunità Europea una parte delle somme già accreditate.

In altri casi, invece, questi fondi hanno permesso di cambiare il volto di alcune aree depresse, mediante iniziative, progetti, manifestazioni che hanno rilanciato le attività produttive e incrementato l’attrazione verso i territori. Una politica mirata che la Regione Sicilia ha favorito attraverso una serie di bandi ufficiali o mediante scelte condivise e tese a far sistema, le più recenti hanno ad esempio riguardato la creazione dei distretti produttivi, piccoli e grandi «mondi» economici dedicati alle diverse e più produttive filiere. Possibilità che non vanno perse.

E di questo si parlerà a Villa Di Pasquale a Ragusa su iniziativa dei Club Lions attraverso un convegno di approfondimento dal titolo «Gli interventi della Regione Sicilia per lo sviluppo: opportunità per le piccole e medie imprese». Esperti e tecnici si alterneranno per spiegare nei dettagli gli investimenti che si stanno portando avanti per rilanciare il sistema produttivo siciliano.

Dopo il saluto dei rappresentanti locali dei Lions e delle autorità, interverranno tra gli altri Enzo Taverniti, Presidente di Confindustria Ragusa che offrirà il punto di vista delle aziende e l’Assessore Provinciale alle Politiche comunitarie, Giovanni Digiacomo che si soffermerà sul lavoro svolto dalla Provincia per attrarre finanziamenti comunitari in favore del territorio.

Poi si entrerà nel merito con la moderazione di Rosario Alescio, presidente della Crias, uno dei principali enti di erogazione di finanziamenti in favore delle imprese artigiane della Sicilia. Introdurrà i lavori Salvatore Cascone, presidente del Lions Club Comiso «Terra Iblea». Tra i relatori anche Alessandro Falgares, esperto di finanza strutturata, Dario Tornabene, dirigente dell’Ufficio Distretti Produttivi della Regione, Emanuele Occhipinti, responsabile dell’Ufficio Crediti Speciali Bapr. Concluderà i lavori Marco Venturi (nella foto), Assessore regionale alle Attività Produttive.

I saluti finali saranno affidati a Rosario Pellegrino, governatore Distretto Lions 108 Yb. L’appuntamento, organizzato dal Lions Club Comiso «Terra Iblea» e dai Lions Club «Zona 16», si svolge in collaborazione con Confindustria Ragusa, Ordine dei Commercialisti e degli esperti contabili di Ragusa, Assessorato alle Politiche Comunitarie della Provincia, Banca Agricola Popolare di Ragusa, Crias, Irfis, Ircac. La partecipazione all’incontro per i dottori commercialisti e i revisori contabili è valida ai fini dell’aggiornamento professionale obbligatorio.