Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 714
RAGUSA - 22/12/2009
Economia - Ragusa: il bilancio di Confagricoltura

Crisi nera per l´agricoltura iblea con un´annata fallimentare

E anche la burocrazia, troppo lenta nel suo corso, non aiuta gli operatori del settore per quanto riguarda indennizzi e altro

E’ un bilancio fallimentare quello dell’annata agricola che sta per concludersi in provincia di Ragusa. E anche la burocrazia, troppo lenta nel suo corso, non aiuta gli operatori del settore per quanto riguarda indennizzi e altro.

Confagricoltura evidenzia come la crisi abbia fatto sentire pesantemente i suoi effetti in tutti i comparti produttivi. E mentre l’economia registra i primi timidi segnali di ripresa, apprestandosi ad uscire dal «tunnel», l’agricoltura subisce ancora le ripercussioni di un deterioramento del valore aggiunto. «Le imprese agricole, nel corso del 2009 – sottolinea Confagricoltura – hanno registrato enormi difficoltà e perdite di redditività. La crisi è stata alimentata da una flessione della domanda sia interna, sia estera, a sua volta determinata dalla crisi internazionale.

Ad acuire la situazione – conclude l’organizzazione degli imprenditori agricoli – è stata anche la sommatoria dei ribassi dei prezzi all’origine e dei contestuali aumenti dei costi di produzione. I costi produttivi mediamente sono lievitati del 25,8% rispetto al 2000, mentre i ricavi sono cresciuti solo del 7,1%». Per quanto riguarda l’andamento dei vari comparti, Confagricoltura ricorda come l´annata fosse iniziata all’insegna delle difficoltà del settore lattiero caseario, che sono perdurate per l’intero 2009. In estate poi c’è stata la pesante crisi di mercato di pesche e frutta in generale. Si è giunti quindi a fine anno, con i prezzi in calo per i settori olivicolo e vitivinicolo ed al di sotto della media degli altri anni per il settore degli ortaggi (-20%).