Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 599
RAGUSA - 30/07/2009
Economia - Ragusa: un incontro per fare il punto sulla grave crisi

Sbloccare gli appalti tra le priorità di Urega e Provincia

Auspicata una semplificazione dei rapporti fra tutti gli enti e gli uffici preposti e le stazioni appaltanti, per superare i residui formalismi e per eliminare le fastidiose lungaggini

Incontro con i vertici dell’Urega da parte della delegazione provinciale che si è costituita nel corso della riunione che ha esaminato la grave crisi del settore edile e che si sta adoperando per lo sblocco degli appalti.

La delegazione guidata dall’assessore provinciale allo Sviluppo Economico Enzo Cavallo e formata dal presidente dell’Asi, Gianfranco Motta, dal sindaco di Chiaramonte Gulfi, Giuseppe Nicastro, altresì rappresentante dell’Anci, da Giuseppe Guglielmino in rappresentanza delle Organizzazioni dei Costruttori e da Franca Clementi per la triplice Sindacale ha avuto un confronto col presidente della Commissione dell’Urega, Oreste Iovino ed il Dirigente dell’Ufficio, Gea Ingrassia.

L’incontro è servito per fare il punto sulla grave crisi che investe il settore delle costruzioni, destinata sicuramente ad esasperarsi nei prossimi mesi ed in riferimento a quanto emerso, in occasione della ultima riunione di tutte le stazioni appaltanti della provincia, è stata espressa, da parte della delegazione, la necessità di accelerare ogni procedura per l’espletamento degli appalti e per l’avvio del maggior numero possibile di opere cantierabili.

Con i rappresentanti dell’Urega è stato esaminato il carico di lavoro in corso e, se da un lato è stato rilevato che l’attuale situazione sembra essere sotto controllo, dopo la pubblicazione del nuovo prezziario regionale ed in vista di tutto il lavoro che è stato o sta per essere sbloccato dai vari Enti appaltanti che sono fortemente impegnati verso tali obiettivi, è stata rilevata la necessità di dovere concretamente operare per prevenire e per scongiurare possibili ingolfamenti degli uffici a discapito dell’impegno comune. E’ emersa la necessità di un potenziamento della struttura dell’Urega e di non escludere la nomina di una 2° Commissione (già richiesta ai competenti Uffici del Governo Regionale dal presidente Oreste Iovino) per l’espletamento delle pratiche entro i termini legati ai cronoprogrammi delle scadenze vincolanti, imposte dai bandi comunitari.

Da parte della delegazione è stata chiesta la sburocratizzazione dei vari passaggi e la semplificazione dei rapporti fra tutti gli enti e gli Uffici preposti e le stazioni appaltanti per superare i residui formalismi e per eliminare quelle lungaggini che frustrano le attese delle imprese e dei lavoratori e penalizzano l’intero territorio.

«Le questioni - dice l’assessore Cavallo - emerse ed affrontate, e fra l’altro condivise dagli stessi rappresentanti dell’Urega, non potranno non coinvolgere tutte le stazioni appaltanti che saranno chiamate non solo ad accelerare le procedure che riguardano le pratiche dei loro appalti, ma anche ad operare in piena collaborazione con l’Urega e con il coordinamento della Provincia Regionale in attuazione di un impegno comune teso ad assicurare, entro l’anno, lo sblocco del maggior numero di cantieri nell’interesse del territorio, dell’economia degli imprenditori e dei cittadini della provincia di Ragusa».