Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1246
RAGUSA - 01/05/2009
Economia - Ragusa: crisi nera per le opere pubbliche, fonti primarie dell’economia iblea

Ragusa: tutti al capezzale dell´edilizia, "grande malato"

Alla Provincia, l’assessore allo Sviluppo economico, Enzo Cavallo, ha promosso un summit con i Comuni per avviare un attento monitoraggio delle opere da mettere... in cantiere

Tutti al capezzale del grande malato: l´edilizia e, specificamente, le opere pubbliche, fonti primarie, dell´economia iblea. Cemento e mattone, di questi tempi, non... attecchiscono e le Istituzioni corrono ai ripari dopo l´appello dell´Ance, l´organismo di categoria dei costruttori.

Alla Provincia, l´assessore allo Sviluppo economico, Enzo Cavallo, ha promosso un summit con i Comuni per avviare un attento monitoraggio delle opere da mettere... in cantiere. Pastoie burocratiche e, soprattutto, i soldi (alias, i finanziamenti Statali e Regionali) gli scogli da arginare. Il tavolo farà la sua parte, ma alla deputazione è stato dato l´ingrato mandato di indurre i governanti di Sala d´Ercole e di palazzo Chigi ad aprire i cordoni della borsa.

Al Comune, invece, è stato Filippo Frasca a prendersi la briga di convocare i costruttori. Per il consigliere-poliziotto edilizia e cemento sono il pane quotidiano dell´economia ragusana che langue sempre più col passare dei giorni. pensa ad una Consulta ad hoc. Ed è sinanco pronto a scriverne la bozza di regolamento. Ma da una siffatta "commistione" di politica e di business, quali rischi possono venirne fuori per un territorio già troppo spesso violentato?

Ambientalisti all´erta! Questa volta sono i cittadini a chiamarvi all´appello. Al quale, per la verità, troppo spesso, siete rimasti indifferenti. Un esempio per tutti? L´irrefrenabile scempio silenzioso di Punta di Mola, con i suoi "scheletri" di cemento affacciati sul mare per case vacanze e pseudo strutture turistico-ricettive in cui di turisti non si è mai vista (e si vedrà) ombra.