Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 689
RAGUSA - 05/03/2009
Economia - Ragusa: a tutela delle aziende oggi fortemente penalizzate dal decreto Zaia

Quote latte: La Via favorevole agli emendamenti

Accolte le istanze avanzate dalla V commissione consiliare in merito al nuovo piano di distribuzione

L’assessore regionale all’Agricoltura e Foreste, Giovanni La Via, ha accolto le istanze avanzate dalla V commissione consiliare in merito al nuovo piano di distribuzione delle quote latte voluto dal ministro alle Politiche agricole, Luca Zaia.

La Via infatti è del parere che il piano in questione penalizzi in maniera indiscriminata i produttori siciliani, e ha quindi accolto la richiesta della commissione di non esprimere parere favorevole al decreto che fissa i criteri per la distribuzione delle quote latte presentato dal ministro delle Politiche agricole e di avanzare, nel contempo, una serie di emendamenti facendo presente che «la quota regionale è nettamente inferiore rispetto alle quantità di latte che si consumano annualmente in Sicilia».

La commissione consiliare presieduta da Salvatore Mandarà aveva proposto una mozione che impegnava il governo regionale a voler rivendicare, nella conferenza Stato-Regione, per il territorio siciliano la quota latte spettante in proporzione alla quota storica assegnatagli di circa 200 mila tonnellate che equivale a 15.400 tonnellate, pari al 7,7% della propria quota.

«La comunicazione dell’assessore La Via - afferma Salvatore Mandarà - ci ha permesso di conoscere tutti gli emendamenti proposti e portati avanti in sede di interlocuzione col Governo nazionale, per poter avviare di conseguenza una efficace azione anche da parte del nostro territorio, a tutela delle aziende oggi fortemente penalizzate dal decreto emanato».