Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:52 - Lettori online 728
RAGUSA - 27/02/2009
Economia - Ragusa: grazie all’apposito fondo regionale

Crisi finanziaria: interventi in favore di imprese e dipendenti

Previsti contributi per innovazioni e sostegno ai salari

I due organismi operativi dell’Ebas, l’Ente bilaterale dell’artigianato siciliano, a pochi giorni dalla loro costituzione nella provincia di Ragusa mettono in campo le loro armi per contrastare la crisi che ha messo in difficoltà le piccole e medie imprese artigiane del territorio. Nella sede Cna di Ragusa, durante l’incontro congiunto dei componenti della Cbt (Commissione bilaterale territoriale) e dell’Opt (Organismo paritetico territoriale) sono state illustrate nei dettagli le caratteristiche del Fondo regionale per la tutela delle imprese artigiane e dei loro dipendenti.

Il Fondo provvede ad erogare provvidenze per il sostegno al reddito dei lavoratori e si occupa inoltre di erogare provvidenze a favore delle imprese artigiane allo scopo di sostenerne lo sviluppo.

Tra i principali interventi a favore delle imprese sono previsti: un contributo fino a un massimo di 5mila euro in caso di eventi eccezionali; un contributo fino a un massimo di 1.550 euro per investimenti nel settore della sicurezza e fino a un massimo di 350 euro per studi e analisi preliminari; un contributo fino a un massimo di 1.550 euro per certificazioni di qualità, marchi, deposito brevetti, innovazioni tecnologiche ed export; un contributo di 500 euro per ogni unità di incremento occupazionale.

Tra i principali interventi a favore dei dipendenti sono previsti: un contributo pari al 40% del salario perso, per un massimo di 450 ore, per difficoltà congiunturali che comportano forme di sospensione o di riduzione dell’attività lavorativa; un contributo pari al 50% del salario perso per contratti di solidarietà (contratti che comportano una riduzione dell’orario di lavoro e relativa retribuzione, e che possono essere invocati dalle aziende che ne hanno bisogno); contributi per borse di studio destinate ai dipendenti e/o ai figli (anzianità richiesta: 3 anni. Somme: 260 euro per corsi triennali e obbligo scolastico; 520 euro per il diploma di scuola media superiore; 775 euro per corsi e diploma di laurea); un contributo massimo di 1.500 euro in caso di grave malattia, infermità permanente o decesso; un contributo di 104 euro settimanali, per un massimo di 10 settimane, in caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo (dipendenti con 3 anni di anzianità); un contributo di 80 euro settimanali, per un massimo di 10 settimane, in caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo (apprendisti con anzianità superiore ai 12 mesi).

Per maggiori informazioni sull’accesso ai contributi contattare la sede della Cna provinciale telefonando allo 0932/686144 (email: ragusa@cna.it).