Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 21 Settembre 2018 - Aggiornato alle 15:21
RAGUSA - 21/02/2018
Economia - Documento stilato dalle associazioni di categoria

Nasce il consiglio permanente per le infrastrutture negli Iblei

Nulla sarà più lasciato al caso Foto Corrierediragusa.it

Nasce in provincia di Ragusa il consiglio permanente per le infrastrutture. In un documento stilato dalle Associazioni di Categoria e dai Sindacati dei Lavoratori operanti nel territorio ibleo, a seguito di due riunioni svoltesi nei giorni scorsi presso la sede territoriale della Cna, tutto è stato messo nero su bianco. Hanno partecipato all´iniziativa anche i componenti del Comitato Ristretto per la Ragusa Catania. Le riunioni sono state autoconvocate per un approfondito esame dello stato dell´arte relativo alle più importanti infrastrutture degli Iblei: l´autostrada Siracusa Gela, la superstrada Ragusa Catania, l´aeroporto di Comiso, il porto di Pozzallo e l´autoporto di Vittoria. A tal proposito si è innanzitutto deciso di costituirsi in Consiglio Permanente per le Infrastrutture, che opererà sia in plenaria che per gruppi di lavoro (comitati) seguendo il positivo esempio del Comitato per la Ragusa Catania. Il Consiglio avrà una funzione di studio, analisi e reciproca consultazione sulle varie problematiche, ma anche operativa per quanto riguarderà l´organizzazione di tutte le iniziative ritenute necessarie per arrivare nei tempi più brevi possibili alla realizzazione o al completamento delle opere in questione.

Successivamente, verificato lo stato di estrema criticità in cui versano sia la realizzazione della tratta Rosolini Modica dell´autostrada Siracusa Gela che l´avvio dei lavori della Ragusa Catania, laddove ogni giorno vengono alla luce difficoltà burocratiche sempre nuove e snervanti, si è venuti nella determinazione di far sì che le due grandi opere stradali diventino un unico punto di rivendicazione da parte dell´intero territorio del Sudest Sicilia formato dalle province di Catania, Ragusa e Siracusa; aderire alle azioni programmate dal Comitato delle Aziende fornitrici del Cosige (Consorzio Siracusa Gela) che vantano crediti per diversi milioni di euro; appoggiare l´operato dei Sindacati dei Lavoratori al fine di consentire che le maestranze già impegnate nel medesimo cantiere possano percepire tutti i salari arretrati e che i lavori possano essere immediatamente riavviati, in modo da pervenire ad una rapida conclusione degli stessi, senza rischiare la perdita dei finanziamenti e la creazione dell´ennesima opera incompiuta; sostenere il movimento creato da alcuni sindaci delle province di Catania, Ragusa e Siracusa e dal Comitato Ristretto per scongiurare l´ulteriore rinvio dell´inizio dei lavori della superstrada Ragusa-Catania, attraverso una forte pressione nei confronti del Governo Nazionale; rivolgere un caloroso appello a tutti i sindaci dei Comuni del Sudest Sicilia a far sentire unitariamente la propria voce per raggiungere due obiettivi fondamentali per la crescita socio-economica dei nostri territori; chiedere inoltre a tutte le Associazioni di Categoria e ai Sindacati dei Lavoratori delle province di Catania e di Siracusa di unire le proprie forze al fine di moltiplicare l´impatto del movimento nei confronti delle controparti.

Si è poi brevemente discusso della situazione riguardante il futuro dell´aeroporto di Comiso e della sua società di gestione. In merito a ciò, si è unanimemente stabilito di chiedere un primo incontro di chiarimento, da tenersi nel più breve tempo possibile, con gli esponenti di provenienza iblea presenti nei Consigli di Amministrazione della Sac, dell´Intersac e della Soaco. Infine, si è concordato di rimanere in costante collegamento in modo da seguire ora dopo ora l´evolversi della situazione e da adottare tutte le eventuali ulteriori iniziative che si dovessero ritenere necessarie per raggiungere i risultati da tutti auspicati. Il documento è firmato in maniera congiunta da Casartigiani Ragusa, Cna Ragusa, Confagricoltura Ragusa, Confartigianato Ragusa, Confcommercio Ragusa, Confcooperative Ragusa, Confesercenti Ragusa, Legacoop Sud Sicilia, Pmi Ragusa, Sicindustria Ragusa, Upla Claai Ragusa, Cgil Ragusa, Cisl Ragusa Siracusa, Uil Siracusa Ragusa Gela e Comitato Ristretto Ragusa Catania.