Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 25 Marzo 2017 - Aggiornato alle 19:53 - Lettori online 543
RAGUSA - 30/12/2016
Economia - Una decisione epocale

Non esiste più la Camcom di Ragusa. Accorpata!

Nominati anche i 33 componenti della Camera Foto Corrierediragusa.it

Il nuovo anno porta in "dono" la "Super Camera di Commercio". Quasi 200 mila aziende faranno capo alla Camera di commercio che riunisce Catania, Siracusa e Ragusa. Organismi, consiglio direttivo e presidente devono ancora essere formalizzati mail decreto del presidente della Regione datato 30 dicembre sancisce la nascita della nuova Camera di Commercio e la scomparsa di quelle di Ragusa e Siracusa. Quest’ultima per la verità sta ancora cercando di salvare la propria identità promuovendo ricorsi ma il dado è ormai tratto. Ragusa contribuirà con l’iscrizione di 41 mila aziende, Siracusa ne porta in dote 43 mila e Catania ben 115 mila. Per la presidenza sembra scontata l’elezione di Piero Agen, espressione di Confcommercio Catania, che può contare su almeno 20 voti dei 33 componenti del nuovo organismo. Tagliato fuori dalla corsa Ivan Lo Bello, espressione di Confindustria e della camera di Commercio di Siracusa. Ragusa sarà presente tra i 33 del consiglio camerale con sette esponenti. Ben 2 su 4 per il settore agricoltura, Sandro Gambuzza e Pietro Greco. Giovanni Brancati per il comparto artigianato, Salvatore Guastella per il Commercio, Rosario Di Bennardo per il Turismo, Giuseppe Giannone per i Servizi alle Imprese ed Arturo Schininà per il Credito e le Assicurazioni. La scomparsa della Camera di Commercio di Ragusa è apparsa quasi ineluttabile dopo la decisione assunta dalla Regione di accorpare questi enti riducendoli da 9 a 4.

In Sicilia restano infatti Palermo con Enna, Trapani con Caltanissetta ed Agrigento, e Messina che fa capo a sè stessa grazie allo status di città metropolitana. La costituzione della camera di commercio Catania-Siracusa-Ragusa è apparsa la più logica trattandosi di un’area omogenea del sud est con molti interessi ed infrastrutture in comune, quali aeroporti, porti e servizi. Tutto da vedere se funzionerà e se le identità dei territori saranno, se non esaltate, rispettate. I servizi sul territorio assicurati dall’attuale Camera di Commercio restano ma la direzione strategica sarà presso la sede di Catania.

Nella foto la storica sede della Camera di commercio di Ragusa