Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 1 Maggio 2017 - Aggiornato alle 0:34 - Lettori online 556
RAGUSA - 14/12/2016
Economia - Il meccanismo europeo di stabilità è davvero utile?

Il Mes, questo sconosciuto!

I gruppi forti ne trarrebbero vantaggio, ma il popolo un po’ meno Foto Corrierediragusa.it

Si fa un gran parlare di Mes, ma sui media non si approfondisce sulle conseguenze. Fin quando non capiremo cosa è e come funziona, crederemo al destino che si accanisce contro. Certo, in un Paese in cui le svendite delle partecipate si chiamano privatizzazioni, gli assorbimenti degli asset strategici nazionali si chiamano vendite, la distruzione dei diritti dei lavoratori e la precarizzazione sistematizzata si dipingono col giocoso jobs act , dove l´eufemismo spending review nasconde tagli da definire coi termini esatti di "lacrime e sangue", non poteva mancare all´appello l´ennesimo raggiro da incantatori di serpenti: il Trattato Ems (european mechanism of stability), in italiano Mes (meccanismo europeo di stabilità). In effetti la traduzione formale dell´acronimo è alquanto fedele; quello che non risponde alla realtà è il significato sostanziale di tali provvedimenti. La stabilità in effetti viene perseguita, ma riguarda la impalpabile Europa, che però non è uno organismo unico, che non gestisce le varie politiche economiche in maniera univoca, che non condivide e non supporta le varie problematiche territoriali.

Il nuovo paradosso è tale perché, la popolazione della nazione Italia deve, da una parte, sottostare alle stringenti direttive per la tendenza ai pareggi di bilancio imposti dal Trattato di Lisbona, alla crescita voluta miracolosamente perché non affatto sostenuta, alla austerity selvaggia perché (come specchietto per le allodole) avremmo speso troppo, alla drastica restrizione della spesa pubblica. Dall´altra parte, in piena contraddizione, nel 2011 ci è stata calata questa mannaia dall´alto, secondo la quale per il Mes dobbiamo contribuire negli anni la somma di 125 miliardi di euro per rimpinguare il cosiddetto fondo salva stati. Ma la cosa anche comica del trattato, per così dire, è che noi Italia partecipiamo con nostri soldi, che necessariamente dobbiamo consegnare ad un organismo sovranazionale al fine di creare tale fondo per salvare eventualmente noi stessi, e non possiamo rifiutarci di conferire queste somme, di cui 15 miliardi sono stati già consegnati, mentre il direttivo del fondo può rifiutarsi di intervenire in caso servano all´Italia.

Per cui nella migliore delle ipotesi nella "S" di Mes in molti vedono, fra il molto serio e poco faceto, più un´allusione a ben altri termini come strangolare, sventrare, svenare, scassinare, ecc..., solo per rendere figurativamente l´idea. Finendo anche di colorirlo, congruamente, anche come il nuovo cavallo di Troika. In effetti si profila per l´Italia un "ricatto" che oscilla tra il commissariamento e i tagli selvaggi, avendo comunque come unico epilogo, in entrambi i casi, l´impoverimento sistematico della nostra Nazione. I più illuminati ravvisano in tutto ciò, a buona ragione, solo delle strategie di accaparramento da parte di gruppi economici enormi, che stanno ulteriormente dietro detta Troika.

La situazione ricorda molto la barzelletta di colui che finiva con un colpo di pistola gli animali che aveva investito di striscio con la macchina durante la corsa, per non farli soffrire, ed avrebbe usato la stessa terapia con il suo passeggero che si era lievemente ferito, se questi non si fosse allontanato di corsa dal gentile compagno di viaggio.

Ecco noi dovremmo allontanarci da queste cure interessate a chi vuole accentrare il potere nelle mani di organismi che non guardano i bisogni dei popoli ma solo i conti in banca; cure scriteriate per, così dire, aiutare a salvare gli stati o almeno qualche grande banca come nel caso dell´italiana Mps. Salvare in questo modo significa legare ancora di più al debito. Questi aiuti, che si realizzerebbero mediante l´acquisto di nostri Titoli di Stato, non sono altro che debito puro: un ulteriore cappio al collo per salvare chi sta annegando, impiccandolo! Ci stanno mandando alla deriva, economicamente e socialmente, e così agendo si profila la Grecia all´orizzonte, come prima Cipro e il Portogallo, con tagli alle pensioni, agli stipendi, più tasse, maggiore costo del denaro; scordiamoci di comprare in proprietà: non riusciremo neanche a pagare gli affitti. Con queste misure si prospetta solo povertà. Dobbiamo solo scappare da chi ci vuol salvare in questo modo.

A cura di Giancarlo Palazzolo


Finalmente
15/12/2016 | 9.17.17
Ettore

Volevo solo fare i complimenti all´autore ed alla redazione per questo articolo.
Finalmente qualche raggio di luce di verità inizia a trapelare dalla fitta coltre di nebbia dei mass media nazionali. Continuate così.
IL Mes è un meccanismo infernale per affossare interi popoli. L´Europa da sogno si sta trasformando in incubo.