Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 905
RAGUSA - 15/07/2016
Economia - Dopo la firma del decreto interministeriale di finanziamento

Cantiere superstrada Rg-Ct nel 2017

Lo Stato contribuirà con 149 milioni, l’Unione europea con 217 milioni Foto Corrierediragusa.it

Tre anni e mezzo di lavori ed un investimento di 815 milioni di euro. Il cantiere della superstrada Ragusa-Catania sarà aperto ad aprile del prossimo anno: il comitato ristretto formato da Sebastiano Gurrieri, Roberto Sica e Salvo Ingallinera (da sx nella foto) ne è convinto dopo la firma del decreto interministeriale di finanziamento dell’opera da parte della Corte dei conti. I cantieri saranno tre in tutto, uno appena fuori Ragusa, uno a Lentini e uno a metà dei 68 km da realizzare fino allo svincolo autostradale di Lentini. La Ragusa-Catania sarà una superstrada a 4 corsie che sarà realizzata da una associazione temporanea di imprese private che copriranno il 60 per cento del costo; il maggiore azionista della «Società autostrada Ragusa-Catania», con capitale di 41 milioni, è la Silec, 75 per cento delle quote, insieme alla Tecnis, appena l’1 per cento di capitale ed altre imprese. Lo Stato contribuirà con 149 milioni, l’Unione europea con 217 milioni per un totale dii 815 milioni, che è il costo dell’opera. Entro un mese si terrà la conferenza di servizio tra tutti gli enti interessati che dovranno successivamente esprimere il loro parere entro tre mesi.

Un ulteriore mese servirà per approvare il progetto esecutivo che è già stato definito dal socio privato. Roberto Sica in sede di conferenza stampa ha parlato di cinque mesi in tutto, cui ne sono stati aggiunti per sicurezza altri tre per ritardi vari. Otto, nove mesi in tutto che rendono dunque plausibile, se non certa, l’apertura del cantiere nella primavera del prossimo anno anche perché il socio privato ha tutto l’interesse ad iniziare visto che i primi 80 milioni sono stati investiti. Il progetto prevede 19 gallerie di cui 15 15 naturali e 4 artificiali e 25 viadotti, 13 gli svincoli. La convenzione tra Stato e privati prevede la concessione della superstrada per un periodo di 39 anni. I privati imporranno il pedaggio per rientrare dall’investimento di 448 milioni.