Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1057
RAGUSA - 22/03/2016
Economia - Risparmiatori sorpresi

Andamento borse incerto: cosa rischiano i risparmiatori

I tassi sui depositi caleranno notevolmente Foto Corrierediragusa.it

Il fatto che il denaro sia meno caro è decisamente una buona notizia per le famiglie che stanno pagando un mutuo e restituendo la somma erogata tramite finanziamenti di vario genere. Per gli investitori, invece, la situazione è molto diversa.

Dai piani alti della Bce, Mario Draghi ha deciso di ridurre drasticamente i tassi d´interesse e di prolungare la politica del Quantitative Easing: misure radicali che hanno sorpreso soprattutto i risparmiatori, gli investitori e le famiglie. I tassi d´interesse arriveranno a toccare lo 0,0%, una percentuale che ovviamente si presenta come un minimo storico, e anche i tassi sui depositi caleranno notevolmente.

Per quanto riguarda invece il Quantitative Easing, cambierà la cifra totale relativa agli acquisti dei titoli di stato da parte della Bce: da 60 miliardi di euro salirà fino ad arrivare ad 80 miliardi, cominciando però ad aprile. Tutti questi cambiamenti sono entrati in vigore dal 16 marzo e l´intento di Draghi è quello di lottare contro la deflazione, ma come ha reagito la borsa a tutto questo e quali saranno le conseguenze per i risparmiatori? Dopo la decisione di Draghi, le borse asiatiche hanno chiuso quasi tutte in maniera positiva, mentre i mercati di Wall Street e quelli europei, dopo aver apprezzato le idee e le mosse della Bce, hanno chiuso le successive sedute in negativo, tornando però a dare segnali di ripresa nelle ultime sedute. Pertanto, l´andamento delle borse rispetto alle modifiche di Draghi è prevalentemente incerto e ancora non sappiamo se e in quale modo potrà stabilizzarsi. Tuttavia, è importante considerare che tutto questo potrà anche influenzare la vita dei risparmiatori e dei piccoli investitori. Ad esempio chi ha all´attivo un mutuo a tasso variabile potrà constatare delle notevoli differenze, ma non nell´immediato.

Ad ogni modo, come accennato, il fatto che il denaro sia meno caro è decisamente una buona notizia per le famiglie che stanno pagando un mutuo e restituendo la somma erogata tramite finanziamenti di vario genere. Per gli investitori, invece, come specificato in apertura di articolo, la situazione è molto diversa. Infatti, negli ultimi anni si è di molto sviluppata la tendenza a investire sul mercato della valute, soprattutto per i piccoli risparmiatori, che senza impegnare i propri soldi in pacchetti azionari, preferiscono rivolgersi al mercato del Forex (clicca qui per approfondire).

In questo senso, le oscillazioni create dalle dichiarazioni di Draghi hanno influito decisamente sull´andamento delle valute. Pertanto, per quelli che avevano già investito del denaro potrebbero essere cambiate molte cose, ma ovviamente dipende in che cosa hanno investito. Chi invece ha intenzione di iniziare ad investire, deve sapere che nei prossimi mesi questa potrebbe rivelarsi un´operazione ancora più rischiosa, ma rimarrà comunque quella più remunerativa, in quanto la riduzione dei tassi ha fatto calare anche il valore di libretti, conti deposito e polizze vita.

In particolare, chi ha investito e chi investirà a breve, dovrebbe sapere che la Borsa di Milano ha confermato un potenziale rialzo, chiudendo positivamente con una percentuale del +0,48%. Tra l´altro, lo spread tra le Btp decennali e gli omologhi del mercato tedesco è sceso a 105 punti, registrando un rendimento pari all’1,35%. L’euro continua ad offrire stabilità con una quota di 1,12 dollari e di 125,95 yen. Tuttavia, il prezzo del petrolio è in risalita: per il Wti texano sale dell´1,2%, arrivando al costo di quasi 41,51 dollari per ogni barile, e per quanto riguarda il Brent del Mare del Nord si registra un andamento stabile, che si concretizza nel costo di 41,61 dollari per ogni barile.  Pertanto, tutto è in evoluzione e per questo si parla di una grande incertezza: una situazione che potrà essere ridimensionata e valutata con una maggiore sicurezza, solamente monitorando l´andamento dei prossimi giorni.