Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 867
RAGUSA - 04/12/2015
Economia - Niente paura per almeno un quinquennio, poi si vedrà

Versalis: negli Iblei saranno mantenuti livelli occupazionali

A dirlo è stato il presidente Salvatore Sardo Foto Corrierediragusa.it

«Eni manterrà una partecipazione all´interno di Versalis abbastanza significativa, per un periodo altrettanto significativo, proprio per dare conferma e garanzia che tutti i partner realizzino gli interventi che sono oggetto dell´operazione». A dirlo è stato Salvatore Sardo (foto), presidente di Versalis, accompagnato dall’amministratore delegato Daniele Ferrari, nel corso di una audizione tenutasi giovedì mattina in seno alla commissione Industria del Senato. A comunicarlo è la senatrice del Pd Venera Padua la quale sottolinea come nel corso dell’audizione sulle prospettive del settore della chimica, riferendosi alla vendita di una parte dell´impresa, i vertici Versalis abbiano fornito sostanziali rassicurazioni sui livelli occupazionali almeno per il prossimo quinquennio. «La prima preoccupazione di Eni – ha chiarito Sardo – è stata di avere dei partner che potessero garantire la conferma degli investimenti, l´occupazione e la solidità finanziaria per assicurare il programma di sviluppo e una presenza internazionale di un certo tipo». Per completare il piano di trasformazione di Versalis avviato nel 2012 (comprendente lo sviluppo internazionale, il potenziamento del portafoglio, l´ottimizzazione dell´assetto industriale), «sono necessari investimenti per oltre 1,2 miliardi entro il 2018».

È quanto si legge in un documento di Versalis depositato in commissione. Il documento illustra anche come negli ultimi dieci anni Versalis abbia registrato: una perdita operativa cumulata pari a 3,6 miliardi di euro; un assorbimento di cassa cumulato per Eni pari a -5,6 miliardi. «Nonostante questo andamento - si legge - Eni ha investito più di 2 miliardi di euro». Sardo ha poi aggiunto ai senatori della commissione: «Vi possiamo assicurare che non siamo assolutamente interessati a operazioni finanziarie, abbiamo messo paletti altissimi per garantire lo sviluppo della società e quindi dei posti di lavoro». «Le rassicurazioni comunicate ieri – continua la senatrice Padua – non ci esimono dal ricercare ulteriori verifiche per quanto riguarda il futuro del personale Versalis operante sul nostro territorio. Continueremo a vigilare, dunque, affinché non vada perduto un solo posto di lavoro».