Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 630
RAGUSA - 26/05/2015
Economia - Diminuiscono le imprese e soprattutto quelle giovanili

Sicilia: disoccupazione in aumento

E’ in estrema sintesi il quadro che emerge dal report presentato nel corso della Giornata dell’economia Foto Corrierediragusa.it

Disoccupazione in aumento, turismo e cultura con il freno a mano tirato e imprese che parlano solo straniero. E´ in estrema sintesi il quadro che emerge dal report presentato nel corso della Giornata dell´economia che evidenzia lo stato di salute del territorio ibleo. Una realtà socio-economica che soffre perchè nel giro di dieci anni l´occupazione è scesa da 112.500 a 97.100 in linea con il dato siciliano. Diminuiscono anche le imprese e soprattutto quelle giovanili perchè nel 2011 erano 5 mila 157 e 4 mila 691 nel 2014. Il dato è più sensibile in agricoltura, comparto in cui si registrano invece le aziende costituite da cittadini stranieri. Lo scorso anno le imprese attive sono state 1055 mentre nel 2011 erano 883. Il gruppo etnico che cresce di più è quello albanese, i cinesi aumentano di poco, raddoppiano i rumeni e fanno bene i marocchini. Stazionari senegalesi e tunisini ma la conferma è che la campagna iblea attira sempre più manovalanza e soprattutto imprenditorialità straniera. I dati che devono fare riflettere sono quelli relativi all´economia del mare e a quella della cultura.

In quest´ultimo comparto si fa poco nonostante i progetti, i programmi e le aspirazioni delle varie amministrazioni, dei tanti consorzi e associazioni che sono nati e operano sul territorio. La percentuale delle imprese che operano nel campo del turismo è sotto la media siciliana, il 5,1 per cento contro il 5,8 isolano, per non parlare del raffronto con altri territori ad alta vocazione turistica come Lecce e Cagliari. L´economia del mare fa registrare invece il 4,48 della complessiva realtà imprenditoriale con 1.586 imprese presenti legati alla cantieristica, i trasporti, ristorazione alloggio e tutela ambientale. E´ un dato che conforta ma che non esalta in un contesto che soffre comunque.