Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:36 - Lettori online 1310
RAGUSA - 10/02/2015
Economia - Le "genialate" in salsa siciliana

Milioni sprecati per una tratta ferroviaria

Sebastiano Caggia manifesta tutto il disappunto della categoria degli edili Foto Corrierediragusa.it

Ben 35 milioni di euro sono stati stanziati da Rfi per recuperare 20 minuti sulla tratta Canicattì-Comiso. Si passerà dalle attuali 2 ore ad "appena" un ora e 40 minuti, su un tracciato del Regno costruito nientemeno fra il 1880 e il 1893! La "genialata" viene resa nota dal presidente Ance (Associazione nazionale costruttori edili) Sebastiano Caggia (foto), che manifesta tutto il disappunto della categoria. «Rimango basito ma, poi, mi rassegno ad osservare che i Pirandello, i Tomasi di Lampedusa, gli Sciascia, i Camilleri non potevano che nascere qui, in Sicilia, dove il cambiare tutto per non cambiare nulla è più che mai attuale! Ma come, mi domando, Rfi sempre più abbandona la Sicilia non garantendo neppure la continuità territoriale fra l’Isola e lo Stivale e, poi, annuncia una «rivoluzione» nei collegamenti interni che da Canicattì portano i viaggiatori a Comiso? Parrebbe proprio di si"!

Insomma, tantissimi soldi spesi per "ben" 20 minuti in meno per percorrere una tratta lunga 119 chilometri, con un investimento di 35 milioni di euro. Il conto è presto fatto: ogni minuto di anticipo costerà 1,7 milioni di Euro e si viaggerà alla stratosferica velocità di «crociera» di 70 Km/h!

"Se non fossimo in Sicilia - dice amcora Caggia - ci sarebbero tutte le condizioni per denunciare Rfi e la Regione Siciliana per circonvenzione di incapaci (... noi Siciliani). Ma purtroppo siamo in Sicilia, dove non ci sono i soldi per le strade ma ci sono i progetti, dove non ci sono i progetti per i depuratori ma ci sono i soldi, dove non ci sono i soldi per mitigare il rischio sismico ed idrogeologico e non ci sono neppure i progetti, ma, ne sono certo (forse) avremo una ferrovia efficiente e moderna. Siamo in Sicilia e tutto ciò è tollerato - conclude Caggia - perchè non ci indigniamo neppure più».


10/02/2015 | 21.26.38
pozzallese

a volte mi chiedo ma ci sono o ci fanno!!!! magari tra qualche giorno vedremo la banda musicale e festeggiamenti per questa occasione. Mi vergogno di essere SICILIANO....


farabutti
10/02/2015 | 18.41.21
gpeppino

In questa occasione chissà a quale deputato o deputati andrà la tangente ,e le procure silenzio.