Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 462
RAGUSA - 14/11/2014
Economia - Soldi lasciati "in salamoia"

Opere finanziate e mai realizzate: perchè?

Tutta la lista degli "inadempienti" Foto Corrierediragusa.it

Ecco la lista degli "inadempienti". L´Ance, l´associazione dei costruttori edili, fa le pulci ad amministrazioni e società pubbliche, che vivono sull´effetto annuncio ma non fanno seguire i fatti alle parole. Nel territorio ibleo, denuncia l´Ance, sono stati annunciati appalti per 332 milioni di euro; una cifra ragguardevole che oltre a dotare il territorio di infrastrutture importati farebbe decollare il settore edile. Gli annunci ci sono stati ed anche circostanziati ma nessun cantiere è stato finora aperto nè si hanno notizie di imminenti lavori in avvio. L´Ance ha così stilato una classifica "speciale" degli annunci mai concretizzati: al primo posto, assoluto ed irraggiungibile, l´Anas con 147,80 milioni; secondo posto segue la Soprintendenza per 18,42 milioni; terzo posto, ad una spanna di distanza, l´Irsap con 12,03 milioni. C´è quindi la Protezione Civile con 4,8 milioni e la Sosvi con 3,5, l´Iacp con 2 milioni di euro". Le opere sono la bretella di collegamento tra l´aeroporto di Comiso e la futura autostrada Ragusa-Catania, interventi nelle scuole, la costruzione di stazioni di autobus, interventi di efficientamento energetico, la realizzazione di impianti di biogas o fotovoltaici, la ristrutturazione di palazzi storici, la riqualificazione di centri per anziani, di impianti sportivi, l´adeguamento degli impianti all´Ospedale Giovanni Paolo II ancora peraltro da completare.

Quello che stupisce è che le opere sono state tutte finanziate ma non si riesce a farle partire lasciando così i soldi in banca o come dice il presidente dell´Ance Sebastiano Caggia (foto) - "in salamoia". Dice ancora il presidente: "I nostri rappresentanti non hanno ormai neppure il pudore di chiudersi nel più riservato silenzio. Decantano numeri ed annunciano appalti ed opere, ma poi non fanno nulla per tramutare detti annunci in occupazione e lavoro. Il nostro osservatorio degli appalti ha accesso un focus su tutti gli annunci e i comunicati dei sindaci e degli amministratori pubblici che hanno avuto risalto sulla stampa, locale e regionale. In quindici mesi sono stati messi sul piatto ben 331,86 milioni di euro di lavori finanziati o decretati ma, fino ad oggi, di tali appalti neppure uno si è concretizzato in cantiere. Nello specifico Anas, Asp, Iacp, Irsap, Protezione Civile, Sosvi, Soprintendenza hanno dato in "pasto" all´opinione pubblica notizie per oltre 191 milioni di euro".


E LA PROVINCIA!!!
16/11/2014 | 16.02.44
Emanuele

Come mai nella lista non c´è l´"inutile" Provincia, quella che tutti vogliono chiudere? Semplice: perché nell´"inutile" Provincia gli appalti si fanno, e i soldi in cassa, o finanziati, si spendono per realizzare le opere, e pure celermente se non ci sono intoppi derivanti da contenziosi. Quali sono gli Enti inutili adesso?