Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 754
RAGUSA - 14/09/2014
Economia - Ammodernamento del sistema ferroviario in Sicilia

Licata-Comiso in treno in 49 minuti

Il progetto è di andare per gradi utilizzando da subito 3,4 miliardi disponibili Foto Corrierediragusa.it

Un´ora e 20´ tra Punta Raisi e Fontanarossa, 49´ da Licata all´aeroporto di Comiso. E il piano che Regione e Ferrovie hanno progettato per ammodernare il sistema di trasporto ferroviario in Sicilia e soprattutto per mettere in collegamento i vari aeroporti. E´ un piano da 11 miliardi annunciato dal presidente Rosario Crocetta, dall´assessore alle Infrastrutture e Mobilità, Nico Torrisi, e dal presidente di RFI Dario Lo Bosco. Il progetto è di andare per gradi utilizzando da subito 3,4 miliardi disponibili già e gli altri messi a disposizione con i fondi strutturali europei per concludere tutte le opere tra il 2016 e il 2020. IL primo progetto è l a velocizzazione della Palermo-Catania Messina. Tra cinque anni, ha annunciato Crocetta tra l´aeroporto di Palermo e quello di Catania si potrà andare in 2 ore e 20´ e tra dieci, a lavori ultimati, con l´alta velocità in un´ora e 20´. Tra due anni dovrebbe essere poi pronta la velocizzazione della tratta Licata-Gela-Vittoria-Comiso grazie ai 35 milioni del Pon. La Regione, ha ricordato il presidente Crocetta, sta raccogliendo tutte le carte necessarie e conta di ottenere i fondi arrivino entro l´anno per dare il via immediato ai lavori che debbono essere ultimati entro il 31 dicembre del 2015 per non perdere lo stanziamento. Per la Licata-Comiso basterà poco più di un anno anche perché non si tratta di grandi lavori ma più che altro è una manutenzione forte e la correzione di alcuni punti di criticità. Ci saranno piccoli spostamenti e non c´è bisogno di fare espropri.

Sono importanti anche i tempi di percorrenza, visto che a Comiso c´è l´aeroporto e i passeggeri non possono rischiare di perdere l´aereo. Per la Licata-Comiso, al momento un´ora e 4´, si scenderà di 15´ e quindi si arriverà al Pio La Torre in 49´ con una sola fermata prevista a Licata. L´idea è di mettere a sistema di tutta la Sicilia meridionale il "Pio La Torre" con quello che sarà intercity veloce e moderno. Sembra invece essere stata dimenticata la tratta Siracusa-Ragusa che non entra, almeno in questo fase nel progetto, così come la vagheggiata idea della metropolitana di superficie di Ragusa, la cui idea è stata lanciata dal Cub ma non è stata operativamente ripresa.

L´aeroporto Fontanarossa, oltre che con la tratta della Circumetnea, Stesicoro-Fontanarossa, sarà raggiungibile, grazie a una deviazione, anche con la tratta Messina-Siracusa. Il dirigente generale delle Infrastrutture e Mobilità, Giovanni Arnone, ha ribadito che la stazione ferroviaria di Catania sarà interrata, ma per la realizzazione delle opere mancano circa 400 milioni. Grazie a questi interventi sarà anche allungata la pista di Fontanarossa.


quanti progetti!
15/09/2014 | 10.11.29
sasa

Invece di pensare a nuovi progetti, perchè non completare le opere più importanti: l´autostrada Siracusa Gela e il raddoppio della Catania Ragusa, il resto a dopo.....


MAH...
14/09/2014 | 22.41.52
Gianni

Eppure non siamo in periodo elettorale...hanno preso questa notizia dal cappello magico dove presero quella del raddoppio della Ragusa-Catania?


Ma chi ci crede !!!
14/09/2014 | 16.15.19
il criticone

Ma veramente crediamo ancora a queste cose? Mi fa rabbia pensare che anche i giornalisti credono a queste fregnacce. E´ da parecchio che veniamo presi per i fondelli e ancora continuiamo a offrire la nostra mente a queste cose. Finiamola di fare sempre i creduloni, e poi per risparmiare che cosa, 15 o 20 minuti, con quelle vecchie macchine ferroviarie che neanche i paesi più sottosviluppati dell´Africa centrale rifiutano di avere. Non ci prendete più in giro, ve ne prego.