Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 590
RAGUSA - 23/07/2014
Economia - Tegole in vista per gli automobilisti

Si pagherà il pedaggio sulla Sr-Rosolini

Gli entusiasmi accesi dalla consegna dei lavori al gruppo di imprese che dovrà realizzare i tre lotti dell’autostrada, il 6-7-8, da Rosolini a Modica, per i quali il Cas sta completando gli ultimi adempimenti burocratici, sono stati gelati dal presidente Cas Rosario Faraci Foto Corrierediragusa.it

Nessuna buona notizia per gli utenti della strada. Entro l´anno si pagherà il pedaggio sulla Siracusa-Rosolini e slitta ancora la convenzione per la Ragusa-Catania. Gli entusiasmi accesi dalla consegna dei lavori al gruppo di imprese che dovrà realizzare i tre lotti dell´autostrada, il 6-7-8, da Rosolini a Modica, per i quali il Cas sta completando gli ultimi adempimenti burocratici, sono stati gelati dal presidente Rosario Faraci. Il presidente del Cas ha infatti confermato che entro l´anno sarà introdotto il pedaggio sui tratti già aperti della Siracusa-Gela. Il Cas sta infatti completando i lavori alle barriere di Cassibile, Avola, Noto e Rosolini e proprio in questi giorni sono stati apposti i cartelli con la segnaletica appropriata per il pagamento del pedaggio (nella foto). Il Cas ha presentato domanda per l´autorizzazione all´introduzione del pedaggio al Ministero dei Trasporti ed attende una risposta in merito. Si tratterà solo di tempi a il pedaggio sarà un fatto scontato.

Nel frattempo gli utenti della strada che percorrono il tratto autostradale in questione devono fare i conti con un fondo sconnesso e degno di una strada provinciale soprattutto nel tratto che va da Noto a Rosolini mentre chi percorre l´autostrada da Cassibile a Siracusa nei fine settimana è sottoposto a code chilometriche sotto il cole cocente proprio per i lavori ai caselli e per il rifacimento del manto stradale che ha obbligato il Cas a chiudere una corsia.
Per quanto riguarda il raddoppio della Ragusa-Catania slittano invece i tempi della firma della convenzione a causa del ritiro di un´impresa dal gruppo di aziende che si sono aggiudicate l´opera.

Il ministero delle Infrastrutture ha dovuto autorizzare l´ingresso di un´altra impresa dopo avere ottenuto il parere dell´Avvocatura dello Stato ma il passaggio non ha fatto altro che dilatare i tempi, già lunghi, di tutto l´iter della firma della convenzione. L´atto, tuttavia non è in discussione ed i finanziamenti pubblici non andranno persi. I lavori dovrebbero cominciare nel 2015 comporteranno una spesa di 805 milioni di cui 448 a carico dei privati. Anche in questo caso è previsto l´introduzione del pedaggio