Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 662
RAGUSA - 03/07/2014
Economia - Il fenomeno "sottotraccia" dell’anatocismo

Interessi su interessi da parte delle banche: perchè?

Tecnicamente è il meccanismo degli interessi definiti "composti" che non fanno altro che far lievitare i costi per aziende e privati Foto Corrierediragusa.it

Si chiama anatocismo ma in termini pratici si traduce in calcolo degli interessi sugli interessi da parte delle banche. Tecnicamente è il meccanismo degli interessi definiti "composti" che non fanno altro che far lievitare i costi per aziende e privati. Scontato, anzi naturale, che la reintroduzione dell´anatocismo nel sistema economico bancario grazie ad un decreto legge del Governo Renzi abbia fatto sobbalzare quanti avevano mandato ormai in soffitta l´anatocismo. La sua cancellazione è durata invece poco perchè non sono trascorsi neanche sei mesi da quando la legge di Stabilità 2014 aveva abolito l’anatocismo bancario, aumentando così a dismisura il debito dei correntisti. La Legge di Stabilità 2014 aveva visto l’approvazione di una norma considerata rivoluzionaria, poiché aveva di fatto cancellato per sempre la possibilità per le banche di capitalizzare gli interessi. Tale norma aveva poi lasciato al CICR (Comitato interministeriale per il Credito e il risparmio) il compito di adottare una delibera che attuasse il divieto: delibera che, ovviamente, non era ancora giunta. Nel frattempo, però, l’abrogazione è stata a sua volta abrogata.

La Legge di Stabilità 2014, infatti, è stata superata da un decreto legge sulla Gazzetta Ufficiale con il quale il Governo ha reintrodotto la possibilità, per le banche, di applicare l’anatocismo, ossia di calcolare gli interessi dovuti dal cliente non solo in percentuale sul capitale da restituire, ma anche sugli interessi passivi già maturati su tale capitale. Con ripercussioni di non poco peso su chi ha avuto, in questi mesi, il «coraggio» di contrarre un finanziamento per effettuare investimenti e, quindi, per rilanciare l’economia. Applicato a chi ha il conto in rosso, l´anatocismo finora ha portato ad una montagna di cause tra consumatori e banche come se non bastassero già pali e paletti nel sistema bancario e in generale nell´erogazione di credito e finanziamenti.