Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1205
RAGUSA - 03/02/2014
Economia - Un vero e proprio bollettino di guerra che assume connotati devastanti

Crisi edilizia: 60mila posti di lavoro in meno, 600 chiusure

I dati della cassa edile mostrano una realtà in cui, dal 2008 al 2013, la massa salariale è diminuita di circa 50 milioni di euro Foto Corrierediragusa.it

Settantamila posti di lavoro in meno, una contrazione del 60 per cento delle gare pubbliche e circa 600 imprese fallite, di cui solo 475 l´anno scorso. A snocciolare i dati della crisi dell´edilizia in Sicilia nell´ulimo quinquennio è la Fillea Cgil; un vero e proprio bollettino di guerra che assume connotati devastanti. I dati della cassa edile mostrano, infatti, una realtà in cui, dal 2008 al 2013, la massa salariale è diminuita di circa 50 milioni di euro. Il numero degli operai attivi si è praticamente dimezzato, passando da 10.877 a 5.173, così come le ore lavorate da 8.542.503 del 2008 sono scese a 2.503.792 nel 2013. Drastica riduzione anche delle imprese attive che da 2.311 del 2008 sono passate, nel 2013, a 1.455. ´´Senza dubbio - ha detto Mauro Livi della segreteria nazionale della Fillea Cgil - c´è un problema al sud e gli indicatori dell´edilizia mostrano una situazione preoccupante. Sono indispensabili - ha proseguito - interventi che mettano al centro il lavoro, gli investimenti, i diritti e il rispetto delle regole con i rinnovi dei contratti´´.

In Sicilia, infatti, nel 2012 le ore lavorate e il monte salario sono diminuiti del 22%, mentre nel resto d´Italia del 7% così come gli operai siciliani sono scesi al 24% rispetto al 12% del Paese. Nel corso dei lavori sono state illustrate anche le proposte del sindacato, presentate al Governo regionale e nazionale, per una burocrazia più snella e per accelerare l´iter affinché siano rese subito disponibili le risorse già stanziate dando alle imprese aggiudicatarie degli appalti la possibilità di avviare i lavori.