Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1053
RAGUSA - 18/08/2013
Economia - Un primato non certo invidiabile per la provincia iblea

Ragusa ultima per crescita imprese

Altro dato negativo registrato sono i fallimenti perchè ben 28 procedure sono state avviate nei tre mesi presi in esame, sete in più rispetto al 2012 Foto Corrierediragusa.it

Un primato non certo invidiabile. Ragusa è ultima per tasso di crescita numerica delle imprese registrate alla Camera di Commercio. Il dato è riferito al secondo trimestre di quest´anno ed è aggiornato a giugno. Tra nuove iscrizioni e cancellazioni il saldo è infatti di -194 e gli analisti sono tutti concordi nel rilevare che la crisi economica è ancora viva e la provincia non riesce ad uscire dal tunnel in cui è entrata ormai da qualche anno. Nel secondo trimestre di quest´anno le imprese registrate risultano essere poco più di 35 mila ed il saldo negativo con le cancellazioni pone la provincia iblea al terzultimo posto nella classifica nazionale dopo Napoli e Padova ed al primo in Sicilia. Nel periodo preso in esame le imprese nuove registrate sono state 644 mentre quelle che hanno ufficializzato la cessazione dell´attività sono state 838 con un aumento del 70 per cento rispetto allo stesso periodo del 2012. L´analisi più approfondita del dato oggettivo mette in rilievo che le imprese che scompaiono e soffrono di più sono quelle individuali che sono storicamente la base dell´economia iblea ed hanno contribuito a creare il "modello Ragusa" che a questo punto resta un bel ricordo.

Altro dato negativo registrato dalla Camera di commercio sono i fallimenti perchè ben 28 procedure sono state avviate nei tre mesi presi in esame, sete in più rispetto al 2012. I dati positivi si limitano all´imprenditoria femminile e giovanile con riferimento soprattutto alle imprese individuali nel settore agricolo e commerciale. Crescono anche i titolari stranieri di imprese, ben 117 le nuove iscrizioni dall´inizio dell´anno con un aumento sensibile rispetto al 2012.