Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1040
RAGUSA - 25/10/2012
Economia - Grazie all’accordo programma Stato-Regione previsti per l’isola oltre un miliardo di euro

In arrivo 60 milioni per ospedali e Pta di Ragusa, Pozzallo e Comiso

Il commissario Salvatore Cirignotta: «Nessuna provincia ha fatto la parte del leone e Ragusa ha portato a casa un buon risultato»
Foto CorrierediRagusa.it

«Nel miliardo e 300 milioni di euro destinati alla sanità siciliana, una bella e consistente fetta spetta anche alla provincia di Ragusa». Lo ha detto con viva soddisfazione il commissario dell’Asp 7 Salvatore Cirignotta (foto). Fra i settori privilegiati, i Pta (Presidio territoriale di assistenza) di Ragusa (che avrà 4,4 milioni di euro), quello di Pozzallo (2,5 milioni) e quello di Comiso (1,1 milioni). Cinquanta milioni, invece sono stati previsti per il completamento della seconda ala del monoblocco. E per la prima? «Due milioni- afferma il commissario Cirignotta- saranno presi dai fondi aziendali per realizzare le opere mancanti, arredi, traslochi ecc. Somme che potrebbero essere disponibili per fine novembre».

I primi finanziamenti s’inquadrano nel contesto dell’accordo di programma Stato-Regione. Il Ministero della Salute ha dato già l’ok, che ora deve andare alla firma definitiva di quello dell’Economia in modo da avere la disponibilità delle somme e procedere con i progetti cantierabili per fare partire i finanziamenti ufficiali.

Il commissario Cirignotta ci tiene a evidenziare un aspetto importante. «Abbiamo portato a casa un ottimo risultato. Nessuna delle provincie siciliane ha fatto la parte del leone e Ragusa ha ottenuto quello che meritava. L’assessorato regionale ha messo mano al progetto delle aziende sul filo conduttore della riqualificazione degli ospedali siciliani».