Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1561
RAGUSA - 15/10/2010
Economia - Ragusa: la riunione organizzata da Assoconfidi

No al Blocco di 60 milioni di euro dalla Regione alle imprese

A titolo di contributi in conto interessi sui finanziamenti erogati tramite i confidi

No al Blocco di 60 milioni di euro da parte della Regione Sicilia destinati alle imprese siciliane. E’ stato ribadito giovedì mattina alla Camera di Commercio di Ragusa, durante la riunione organizzata da Assoconfidi per discutere delle iniziative da intraprendere in seguito al mancato adempimento dell´impegno assunto dall´assessore regionale Venturi di procedere a erogare, entro il 20 agosto 2010, le somme spettanti alle imprese a titolo di contributi in conto interessi sui finanziamenti erogati tramite i confidi.

All’incontro, in rappresentanza di Confeserfidi 107, era presente Eugenio La Terra (responsabile dei rapporti con le istituzioni) . «Il paradosso intollerabile della vicenda - spiega Eugenio La Terra- sta nel fatto che le somme dovute (per legge) dalla Regione alle imprese sono disponibili nel bilancio regionale, ma una serie infinita di ritardi burocratici, alternata alla cronica carenza di liquidità delle casse regionali, hanno fatto sì che le imprese attendano invano da quasi otto anni i rimborsi loro dovuti, nonostante l´impegno profuso dai consorzi fidi per eliminare ogni ostacolo tecnico e amministrativo. Ad oggi, però la Regione continua a disattendere gli impegni assunti con i confidi e con le imprese».

Durante il suo intervento La Terra ha sostenuto che «il tempo della pazienza è finito, e che si deve cambiare registro nella interlocuzione con la Regione, smettendo la diplomazia e il garbo istituzionale e facendo la voce grossa, soprattutto per fare capire alle imprese che noi siamo dalla loro parte. A tal fine ho annunciato il sostegno del nostro consorzio a ogni iniziativa che l´associazione vorrà assumere a tutela dei legittimi interessi delle imprese, perché non si può più accettare il continuo e vergognoso balletto che la politica ci ha propinato in questi anni.

A tutti deve essere chiaro che se le imprese non percepiscono quanto loro dovuto la responsabilità è da attribuire esclusivamente agli organi del governo e dell’amministrazione regionale; mentre noi, dopo aver fatto anche più di quello che era nostro dovere, siamo disposti adesso a ogni azione forte ed eclatante a sostegno dei nostri soci, dovessimo anche incatenarci alle porte della Presidenza della Regione per fare sentire la voce delle imprese.

A fine mese è in programma un’iniziativa a livello regionale a Palermo. La posizione espressa da Confeserfidi è stata condivisa in pieno e dal presidente di Assoconfidi e dagli altri rappresentanti dei confidi. Sarà l’Associazione dei confidi a spiegare nei dettagli ogni azione di protesta in difesa delle 40 mila imprese siciliane che aderiscono ai vari confidi siciliani».