Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 677
POZZALLO - 30/09/2011
Economia - Una struttura capace di attirare le attenzioni di investitori italiani e stranieri

118 milioni per rendere grande il porto di Pozzallo

E’ con questa consapevolezza che il sindaco di Pozzallo, Peppe Sulsenti, ha fatto partite l’iter procedurale per la realizzazione del progetto

Un porto più grande, più funzionale, capace di attirare le attenzioni di investitori italiani e stranieri. E’ con questa consapevolezza che il sindaco di Pozzallo, Peppe Sulsenti, ha fatto partite l’iter procedurale per la realizzazione di un porto che, nei prossimi anni, sarà ampiamente ingrandito. Ad esempio, l’attuale porto commerciale ha una banchina di 675 metri con retrostante piazzale di 32 mila metri quadri circa come area per movimentazione, stoccaggio temporaneo delle merci ed insediamenti asserviti alle imprese portuali, e che ne saranno create altre per altri mille e 148 metri.

Quanto al porto turistico saranno creati 390 metri di nuove banchine per pescherecci, 531 metri per navi traghetto e passeggeri, 622 metri per navi da crociera, e 853 metri per nautica da diporto. L’importo complessivo del progetto prevede lavori per 118 milioni di euro. Inoltre, la realizzazione di un molo di sottoflutto eliminerà il fastidioso problema della sabbia che si accumula all’interno del «porticciolo». Ad oggi, dopo l’acquazzone di martedì e le mareggiate consequenziali, il porto turistico è navigabile per la «solita» striscia profonda diversa metri, a lato del braccio, l’unica che permetta l’entrata e l’uscita dal sito.

Si è in presenza dell’appalto più consistente di tutta la Sicilia orientale e ridisegnerà la geografia portuale in Italia e nel Mediterraneo, con un ruolo fondamentale per tutta la Sicilia. Il progetto, presentato nel corso della seduta consiliare di mercoledì sera, sarà presto al vaglio della Sovrintendenza per i Beni culturali e ambientali del Mare e del Genio Civile Opere marittime di Palermo, da dove sarà preso in esame il carteggio per la definitiva approvazione e relativo stanziamento di fondi per lo realizzazione dell’importante scalo.

Altro dato su cui riflettere. Sarà il Comune di Pozzallo, quale stazione appaltante, a decidere con quali interlocutori interloquire per lo sviluppo dell’area portuale. Scelte non affidate ad altri enti, non subiti dal Comune di Pozzallo, che avrà il ruolo decisivo di attore principale.

"Mi ero impegnato in prima persona sul porto di Pozzallo – dichiara il sindaco Sulsenti con delega al porto - ed oggi questo impegno viene premiato con l’avvio della fase progettuale finale. Il Comune di Pozzallo è stazione appaltante e per la prima volta nella sua storia avrà potere decisionale nelle scelte. Abbiamo lavorato anche di sabato e di domenica affinchè le scelte compiute da questa Amministrazione potessero soddisfare i criteri logistici per la creazione di una nuova realtà, prossimo fiore all’occhiello della portualità nell’ambito del Mediterraneo. Tutto merito mio? In quattro anni e mezzo, grazie alla sinergia col Governatore della Regione, Raffaele Lombardo, il sottoscritto ha potuto lavorare e questi sono i risultati. La politica del «si può», usata in campagna elettorale, quattro anni fa, è diventata la politica del «si è fatto». Non so quante altre persone possano dire di aver fatto lo stesso".

Anche il capogruppo al Comune del Mpa, l’ex assessore con delega al porto, Carmelo Distefano, ha espresso la propria soddisfazione per questo atto del consiglio comunale votato all’unanimità. "Un atto importante – dice Distefano – che proietta il porto nel futuro. L’arrivo, assai probabile, di investitori cinesi e russi non fa altro che certificare la bontà della nostra azione politica. Nel giro di pochi anni, il porto di Pozzallo non avrà nulla da invidiare agli altri porti, italiani ed esteri. La bella notizia, poi, apre spiragli occupazionali mai intravisti da queste latitudini. Cosa sicuramente non da poco".

Il sindaco Peppe Sulsenti, infine, ha avuto parole d’elogio anche per un altro ex assessore con delega al porto, Vincenzo Ruta, primo assessore a curare gli interessi del porto di Pozzallo quando Sulsenti fu eletto sindaco.