Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 1144
POZZALLO - 21/05/2011
Economia - Sono due i principali obiettivi del gruppo

Socotherm, riprendere i 15 dipendenti e il lotto Asi

Ma i conti sono ancora in rosso

Il ritorno in fabbrica dei quindici dipendenti e ritornare «in possesso» del lotto Asi dove insiste lo stabilimento. Sono due i principali obiettivi che Adolfo Vannucci, il presidente del consiglio d’amministrazione della Socotherm, ha illustrato, ieri mattina a palazzo La Pira, al sindaco di Pozzallo, Peppe Sulsenti, in una riunione che visto impegnati i due esponenti per più di 90 minuti. Un incontro che è seguito nel pomeriggio, nei locali dell’Asi, dove il presidente Rosario Alescio ha voluto conoscere il piano di rilancio per lo stabilimento che insiste nella zona industriale Modica-Pozzallo.

I conti della Socotherm, ha ribadito Vannucci, sono ancora in rosso. Il recente accordo di rifinanziamento dei debiti scaduti stipulato con un pool di banche argentine ed alcune commesse che vedrebbero, in autunno, il rilancio dello stabilimento ibleo sembrano, però, rappresentare un chiaro segnale di ripresa per il gruppo veneto che intende tornare in Sicilia per far sì che lo stabilimento della zona Asi torni ad essere un punto strategico per le commesse per il Nord-Africa. In tal senso, nel corso del prossimo consiglio d’amministrazione della Socotherm, convocato per il 21 giugno prossimo, si discuterà, se le parti (Asi e Socotherm) saranno d’accordo su tutto, della riqualificazione del sito.

Sui tempi di ritorno al lavoro per i quindici dipendenti, però, le parti si dividono. I sindacati, rappresentati a palazzo La Pira dall’esponente sindacale Cgil dello stabilimento, Concetto Fichera, vorrebbero un ritorno immediato delle maestranze. Vannucci ha dichiarato di essere favorevole ad un ritorno all’attività, ma graduale, visto che le commesse partirebbero solo da settembre. Ergo, i dipendenti che, da giugno, ritornano a lavorare, tornerebbero solo per la manutenzione del sito. Indubbiamente poco, per sperare di riprendere a pieno regime, in tempi brevi.

All’incontro, era presente una delegazione dei lavoratori della Socotherm, oltre al consigliere comunale dell’Mpa, Salvatore Toscano, l’unico, fra i venti consiglieri comunali a palazzo La Pira, a seguire l’intera trafila, dal 2009 ad oggi, di riunioni e vicissitudini che hanno interessato lo stabilimento Socotherm della zona industriale iblea.