Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1119
PALERMO - 23/07/2015
Economia - Lo dice il Servizio di Statistica ed Analisi economica della Regione

Quanto spende una famiglia siciliana in tempi di crisi

Il dato si riferisce al 2013 e registra una flessione del 3% rispetto al 2012 Foto Corrierediragusa.it

Una famiglia siciliana media spende mille 579 euro al mese. Lo dice il Servizio di Statistica ed Analisi economica della Regione con riferimento al 2013, che registra una flessione del 3% rispetto al 2012. La rilevazione, condotta a campione su tutto il territorio nazionale, ha interessato 30 comuni e circa mille 400 famiglie siciliane e ha mostrato significativi cambiamenti nel corso dell’ultimo quinquennio analizzato (2008-2013) oltre che sensibili differenze tra i consumi delle regioni settentrionali e quelle meridionali. La Sicilia, infatti, si configura come la regione italiana con la spesa media più bassa, con un 33% in meno rispetto alla media nazionale e con differenze ancora più profonde se rapportate alla spesa media della regioni del Nord. Del totale speso, circa il 73% ( mille 155 euro) è dato da spese non alimentari, tra cui spiccano con un 29% quelle destinate all’abitazione (circa 457 euro). Seguono le spese relative ai trasporti (con 194,42 euro mensili), a beni e servizi di vario genere (106,18 euro) e all’abbigliamento (pari a 84,27 euro).

Di tali spese, tutte hanno fatto registrare riduzioni significative, con particolari incidenze sul settore della sanità (-9,8%), del tempo libero (-9,2%) e dei mobili, elettrodomestici e servizi per la casa (-8,3%). Tra le spese non alimentari aumentano di circa il 10% quelle legate all’istruzione e di quasi il 7,5% quelle dei tabacchi. La restante parte dei consumi, ovvero il 27% (circa 424,40 euro mensili), riguarda le spese alimentari: di esse, la quota maggiore è riservata all’acquisto di carne, pane e cereali, patate, frutta ed ortaggi.

Anche per le spese alimentari negli ultimi anni si sono viste diminuzioni che hanno toccato tutti i settori, soprattutto pesce (-5,8%) e carne (-4,6%). Nonostante i consumi siano mediamente inferiori rispetto al resto del paese, la Sicilia fa tuttavia registrare la maggior spesa alimentare di tutto il paese, dove la media è di circa il 19,5% sul totale. Infatti, la spesa media mensile a livello nazionale è pari a 2 mila 353 euro principalmente destinata spese non alimentari quali quelle relative all’abitazione (in particolare affitti ed utenze domestiche) ed ai trasporti.