Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 681
PALERMO - 15/01/2015
Economia - Numeri da brividi e la situazione è destinata a peggiorare

Debito da incubo della Sicilia: 6 miliardi!

Il tutto mentre in Sicilia l’emergenza rifiuti rischia di mettere a repentaglio la salute dei cittadini Foto Corrierediragusa.it

Altro che tagli e risparmi. I conti dell´assessore regionale all´economia Alessandro Baccei parlano chiaro. L´indebitamento della Regione rispetto al 2013 è cresciuto di ben un miliardo 300 milioni di euro. Un record assoluto per la Sicilia che tocca quota sei miliardi 398 milioni di euro di indebitamento a dicembre 2014 rispetto ai 4,3 miliardi del 2009. Una cifra enorme, da mettere i brividi che suddivisa per tutti i cinque milioni e passa di siciliani comporta un debito individuale di mille 257 euro. Mutui e prestiti per far fronte alle spese correnti sono aumentati solo negli ultimi mesi di quasi 900 milioni di euro che servono a pagare sanità, debiti commerciali,spese correnti. E non è finita perchè a fine mese l´Ars delibererà un nuovo mutuo da un miliardo 776 milioni per ripianare i debiti delle Asl e che farà crescere a dismisura l´indebitamento portandolo a oltre sette miliardi. Le rivoluzioni vere e annunciate dal presidente Crocetta si scontrano con questi numeri mentre partiti e gruppi politici all´Ars non sembrano rendersi conto della gravità della situazione.

Il tutto mentre in Sicilia l´emergenza rifiuti rischia di mettere a repentaglio la salute dei cittadini, di deturpare e rendere invivibile città e periferie ed i comuni non sanno a che santo rivolgersi per far fronte alle spese correnti per i tagli operati dalla Regione.


abolire regioni
16/01/2015 | 20.32.06
pozzallese

le regioni sono il cancro dell´italia si all´abolizione...


ci sto...
16/01/2015 | 15.37.57
gianni

bene... anche se sono in cassa integrazione io sono disposto a sborsare i miei 1.257 euro, però a una condizione: che immediatamente si chiuda e si abolisca senza se e senza ma la regione siciliana insieme ai politici e allo scandaloso esercito dei dipendenti! e questo non per trasformarla in una regione a statuto ordinario, ma per abolirla del tutto...! e già che ci siamo, si potrebbero abolire anche tutte le altre 19 regioni d´italia, enti assurdi e inutili che i costituenti del 1948 ci avrebbero potuto risparmiare....