Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 297
MODICA - 05/04/2010
Economia - Modica: i dati dell’osservatorio Ance

Crollo lavori pubblici, a Modica la maglia nera

Situazione drammatica nei primi tre mesi del 2010

Spetta a Modica la maglia nera sul crollo verticale dei lavori pubblici posti in gara in provincia di Ragusa nei primi tre mesi del 2010. Una situazione drammatica, quella che emerge dall´analisi congiunturale effettuata dall´Osservatorio appalti dell´Ance Ragusa, il cui presidente Giuseppe Grassia dichiara senza mezzi termini che la crisi è generalizzata, perché le amministrazioni pubbliche sono ferme al palo. Dal resoconto del centro elaborazione dati dell´osservatorio, dal quale sono esclusi che gli affidamenti a trattativa privata, cottimo-appalto ed aste pubbliche inferiori a 200 mila euro, in quanto non pubblicati sulla Gazzetta ufficiale, emerge che, dall´inizio dell´anno ad ora, sono andate in appalto gare per un ammontare complessivo di un milione 584mila 660 euro.

Nel dettaglio, nella sezione gare da espletare riferita al primo trimestre 2010, risultano 145mila euro dal comune di Modica, che si conferma essere l’ente i cui si è registrato il crollo più sostanziale. Una cifra davvero irrisoria rispetto agli anni passati, sotto l’egida dell’amministrazione Torchi. Un campanello d’allarme che la dice lunga sull’economia mdociana stagnante. Per quanto riguarda gli altri comuni, si registrano oltre un milione di euro di appalti dal comune di Santa Croce, nonostante sia un piccolo centro, 418mila 980 dal comune di Vittoria.

Lontanissimi, dunque, dalle performance, anche in proiezione, del 2009 che si era chiuso con gare per un importo pari a 75milioni 942mila 489 euro. Si registra una flessione, rispetto allo stesso periodo del 2009, pari al 14%, che si traduce in un decremento pari al 17% delle ore lavorate. Un quadro decisamente disastroso.