Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 701
MODICA - 12/05/2009
Economia - Modica: succede all’avvocato Michele D’Urso

Lucifora presidente della Banca di credito cooperativo

L’imprenditore, già vice presidente, è stato eletto dai soci all’unanimità
Foto CorrierediRagusa.it

Antonello Lucifora (nella foto), 52 anni, imprenditore, è il nuovo presidente della banca di credito cooperativo della Contea di Modica. Lucifora succede a Michele D’Urso che ha retto le sorti della banca per il primo triennio mentre Antonello Lucifora è stato il vicepresidente.

Sono stati gli oltre mille 500 soci della banca ad eleggere all’unanimità Lucifora alla presidenza nel corso della assemblea tenuta alla scadenza del mandato di D’Urso. Lo stesso Michele D’Urso, avvocato, consigliere comunale, è stato invece acclamato quale presidente onorario della banca. L’assemblea ha poi eletto gli undici componenti del consiglio di amministrazione. Si tratta di Giuseppe Xiumè con l’incarico di Vice Presidente, Rosario Agnello Modica, Giorgio Alescio, Giorgio Cappello, Giorgio Cicero, Rosario Cultrera, Raimondo Minardo, Riccardo Radenza, Orazio Solarino e Alessandro Spadola.

Salvatore Garrone è stato confermato alla direzione generale così come i componenti del collegio sindacale sono rimasti al loro posto. L’assemblea, nel corso della seduta, ha proceduto all’ approvazione del bilancio di esercizio chiuso al 31 dicembre 2008; in questo esercizio, il secondo di piena attività operativa, la banca ha raddoppiato la raccolta e triplicato gli impieghi. « La Banca di Credito cooperativo è in buona salute – dice Antonello Lucifora – Continueremo a sviluppare la crescita, avendo a riferimento la piccola impresa, reticolato economico produttivo effervescente nel territorio, le famiglie e la persona intesa come soggetto da valorizzare stabilmente, promuovendo l’accesso al credito.