Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 18 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 10:34 - Lettori online 725
MODICA - 01/03/2017
Economia - La riunione dell’osservatorio sulla autostrada

Soldi per la Sr Gela. Resta nodo Modica

Dissipate le nubi riguardati i pagamenti degli stati di avanzamento fin qui maturati Foto Corrierediragusa.it

Il Cas si allinea con i pagamenti, resta il nodo Modica. La riunione dell’osservatorio sulla autostrada Siracusa-Gela tenutasi in Prefettura è servita a dissipare le nubi riguardati i pagamenti degli stati di avanzamento fin qui maturati dalle ditte appaltatrici dei lavori. Un primo mandato di 7 milioni e mezzo è stato già accreditato dal Consorzio autostrada siciliane. Il direttore Salvatore Pirrone, presente al posto del presidente del Cas, Rosario Faraci, ha inoltre confermato al prefetto Maria Carmela Librizzi che entro metà marzo sarà accreditato un secondo mandato dello stesso importo per arrivare a coprire i 15 milioni avanzati dalle imprese. A metà aprile, inoltre, si provvederà con il pagamento dei lavori completati nel frattempo. Il direttore della Divisione presso l’assessorato regionale ai Lavori pubblici Bellomo, presente al posto dell’assessore, Giovani Pistorio, ha confermato anche che la Regione ha messo a disposizione la disponibilità dei 51 milioni che integrano il finanziamento europeo per la costruzione dei lotti che portano l’autostrada da Rosolini a Gela.

E’ stato appena sfiorato l’argomento Modica, così come rilanciato dal sindaco Ignazio Abbate che non intende rilasciare autorizzazioni di sorta se prima il Cas non pagherà i due milioni di compensazione previsti nella convenzione. Il prefetto Maria Carmela Librizzi si è impegnata a chiarire la questione con il sindaco per evitare che i lavori dell’autostrada nel lotto Pozzallo-Modica si fermino. Il nodo più delicato è il cavalcavia che deve superare la provinciale Modica-mare in contrada Zappulla. La costruzione del cavalcavia impone infatti la chiusura della strada e l’approntamento di una viabilità alternativa. Per quanto riguarda invece lo spostamento dei pali Enel e dei cavi Telecom il Cas provvederà per conto proprio.