Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1170
MODICA - 10/10/2016
Economia - L’idea dell’assessore Cracolici

Cioccolato modicano o "modighanese"?

Nessuna "dequalificazione" del prodotto ma solo una spinta in più Foto Corrierediragusa.it

Un ponte tra la città di Modica e il Ghana, all’insegna della produzione del buon cioccolato. Se ne è discusso all’edizione 2016 di Blue Sea Land, l’Expo del Mediterraneo che si è svolto a Mazara del Vallo durante lo scorso fine settimana. In occasione della vetrina straordinaria per i prodotti d’eccellenza della Sicilia, che attira investimenti e favorisce accordi commerciali, il presidente del Consorzio di Tutela del Cioccolato Modicano Salvo Peluso, alla presenza dell’assessore all’agricoltura Antonello Cracolici, promotore del progetto, ha incontrato l’ l’Ambasciatrice del Ghana. Al vaglio la possibilità di avviare nello stato africano, la costituzione di imprese italo ghanesi per la produzione di pasta amara mediante l’impiego della avanzatissima tecnologia italiana. La notizia del possibile accordo commerciale ha fatto però montare immediatamente la polemica frettolosa. C’è infatti chi ha ipotizzato una svalutazione del prodotto modicano per eccellenza, con danni al nostro patrimonio culturale ed economico.

Accuse però immediatamente rimandate al mittente dall’assessore Cracolici e dal direttore del Consorzio del Cioccolato Nino Scivoletto che, da noi contattato, ha sottolineato come l’accordo riguarderà esclusivamente la produzione della pasta amara di cacao e che garantirà per i produttori nostrani un grande vantaggio sia dal punto di vista sia economico che sociale. Un’opportunità per Modica e il suo cioccolato e nessuna svalutazione o svendita, assicura il direttore. Il Ghana infatti produce il 21,9% di cacao ed è il secondo posto fra i paesi produttori dopo la Costa D’Avorio e rappresenta una risorsa pe r la città della Contea, che utilizza il cacao quale ingrediente principale per produrre un cioccolato artigianale unico nel suo genere al mondo.