Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 952
MODICA - 21/10/2014
Economia - Lo ha annunciato il presidente Vaccaro contestualmente alle proprie dimissioni

La Bcc Modica si aggrega con Regalbuto: è pure ennese

L’assemblea straordinaria dei soci approverà il tutto nella convocazione del 22 e 23 novembre Foto Corrierediragusa.it

La «Banca di credito cooperativo contea di Modica» (foto) si aggrega con la filiale della Bcc «La riscossa» che ha sede a Regalbuto, piccolo comune in quel di Enna, mediante cessione dell’intera azienda bancaria. Lo annuncia il presidente Giuseppe Vaccaro in una nota con cui comunica pure le sue dimissioni dalla carica. Vaccaro ha difatti ritenuto concluso il suo mandato dopo aver portato a compimento la mission di aggregare la filiale modicana della banca con un’altra, al fine di mantenerne l’esistenza: la proposta giunta da Regalbuto è stata l’unica pervenuta a Vaccaro, che adesso passa la mano all’assemblea straordinaria dei soci convocata per il 22 e 23 novembre per procedere all’approvazione dell’aggregazione mediante, come accennato, cessione dell’intera azienda bancaria. Nella sua missiva indirizzata al consiglio d’amministrazione della Bcc e alla Banca d’Italia, Vaccaro si ritiene soddisfatto del suo operato, «Avendo pienamente portato a termine – si legge – il mandato ricevuto anche con la relazione semestrale chiusa con segno positivo grazie ad un utile di 145 mila euro, coma mai accaduto prima d’ora – conclude Vaccaro – nella vita dell’istituto di credito».

Il cda e il management della Bcc «Contea di Modica» portano così a termine il percorso cominciato a gennaio scorso con l’ispezione della Banca d’Italia che aveva evidenziato alcune anomalie di gestione. Una banca dunque che si appresta a diventare anche ennese oltre che modicana per continuare ad operare sul territorio.