Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 1277
MODICA - 08/08/2012
Economia - Vertice degli albergatori con il sindaco Buscema e l’assessore al Turismo, Giorgio Cerruto

Turismo Modica, calo di presenze. La giunta fa poco

Dati confermati dall’Ufficio turistico della Provincia relativi a luglio. Presenze dilatate. Presa di posizione della Confsal

Il calo c’è ed è netto. La crisi non aiuta ed anche in periferia si sconta il difficile momento economico. Le presenze, come confermato dall’Ufficio turistico della Provincia, si sono dilatate. Sicuramente a luglio e solo in questa prima settimana di agosto qualcosa comincia a muoversi. Segnala un albergatore: «Non era mai successo che ad inizio agosto ci fossero ancora stanze libere. Speriamo nelle prossime settimane ma il periodo delle ferie si è contratto». Sulla questione le prese di poszione non mancano ed anche il sindacato Confsal ha detto la sua.

Gli albergatori hanno incontrato il sindaco, Antonello Buscema e l’assessore al Turismo, Giorgio Cerruto, per stimolare all’amministrazione a fare di più e soprattutto a risolvere alcuni problemi irrisolti che potrebbero incentivare le presenze. Paolo Failla, presidente di Confcommercio, e vicepresidente provinciale di Federalberghi, non ha avuto peli sulla lingua ed ha elencato una serie di manchevolezze a cominciare dalla mancanza assoluta di segnaletica direzionale, che fa impazzire chi arriva per la prima volta in città.

Chi arriva in città non può ricorrere ad un taxi visto che non ci sono postazioni al servizio del turista, che deve dunque ricorrere a mezzi di fortuna o sperare nella buona sorte. Ci sono in città due casi emblematici; si tratta dei due più importanti monumenti storici restaurati negli ultimi due anni e non fruibili da parte del pubblico. E’ la chiesa di S. Maria del Gesù con chiostro annesso che è visitabile solo nei fine settimana ed il Convento del Carmine di piazza Matteotti che resta inglobato all’interno della caserma dei carabinieri e non può essere visitato.

Due opportunità uniche non messe a regime che potrebbero dare vitalità al turismo culturale dell’intera area. Capitolo a parte la mancanza di coordinamento nei programmi delle manifestazioni che si svolgono non solo in città ma in tutta la provincia. Basterebbe solo sedersi attorno ad un tavolo ed organizzare un calendario ad incastro per favorire visite e soggiorni. Dice Paolo Failla: «Al di là delle specifiche questioni che abbiamo posto resta comunque un dato confortante e cioè che per la prima volta tutti gli albergatori si sono ritrovati insieme attorno ad un tavolo e hanno potuto dialogare con l’Amministrazione ritrovandosi uniti e con le idee chiare».

Sulla questione turismo la Confsal ha detto la sua con un documento con il quale attacca l´amministrazione Buscema:" «Era evidente che il turismo a Modica nell’ultimo triennio stesse crollando. Lo si vedeva l’anno scorso dal calo delle presenze turistiche e delle vendite. Un turismo scarno, fatto solo da «toccate e fuga», in quei pochi monumenti storici che sono fruibili. L’estate scorsa fu molto «fredda» dal punto di vista di presenze turistiche e quest’anno, di certo, non siamo tra le mete più visitate dai turisti in Sicilia". Per il sindacato l´amministrazione Buscema può e deve fare di più perchè per riportare la città tra le mete preferite del turismo siciliano.