Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1275
MODICA - 23/02/2012
Economia - La strategia giusta per crescere e creare valore

Convegno Conad su "Consumi e distribuzione al tempo della crisi"

Conad Sicilia propone il modello imprenditoriale cooperativo come la ricetta vincente per creare valore, continuando ad investire in sviluppo, innovazione e formazione
Foto CorrierediRagusa.it

In tempi estremi, dove tutti i dati economici portano il segno negativo, Conad Sicilia resiste e cresce, proponendo il modello imprenditoriale cooperativo come la ricetta vincente per creare valore, continuando ad investire in sviluppo, innovazione e formazione. Questo è quanto emerge dal convegno «Distribuzione e consumi nello scenario della crisi» organizzato oggi da Conad Sicilia al Teatro Garibaldi.

Il professor Grandi dell’Università degli Studi di Parma, coordinato dal giornalista Rai Angelo Di Natale, ha egregiamente ricostruito il complicato scenario dei consumi e della distribuzione in tempi di crisi, supportato da un’attenta analisi del territorio siciliano, presentata dal dottore De Camillis di Ac Nielsen Italia.

Il quadro che ne emerge è veramente drammatico. Il cliente di oggi è preoccupato, più razionale, attento al «Value for Money» e sempre più infedele alla marca di fiducia. Diminuiscono le spese per viaggi, abbigliamento e intrattenimento fuori casa, a seguito di una maggiore preoccupazione per il posto di lavoro e di una conseguente propensione al risparmio. E al Sud gli effetti sono ancora più accentuati.

Se il tasso di crescita della Gdo a livello Italia si mantiene positivo solo a totale rete (+1.4% Dati Nielsen 2011), in Sicilia si registra solo un segno negativo con le vendite che calano di circa l’1.65% (nostra elaborazione Dati Nielsen 2011). A questo si aggiunge una forte pressione promozionale (33.7%, la più alta in tutta l’Italia-28.8% Dati Nielsen 2011) e un’elevata concentrazione di pdv: con 2.629 strutture la Sicilia è 2° regione d’Italia per numerica di punti vendita.

Lo scenario si complica se si guardano anche i dati della disoccupazione (al Sud si attesta al 12.4% nel 2011 fonte Istat), le previsione dell’inflazione (2.9% attesa per il 2012) e l’impatto negativo che la manovra economica sta avendo sui consumi. Allora quali prospettive per il futuro? Il gruppo Conad ha le idee molto chiare in merito. Conad è la più grande cooperativa di imprenditori indipendenti in Italia, la catena n.2 della distribuzione con un tasso di crescita costante e significativo nel tempo.

«Abbiamo 3mila soci - afferma il direttore marketing di Conad Zuliani - che cooperano per la creazione di valore economico, sociale ed etico che perdura nel tempo. Siamo presenti in tutta Italia e in tutte le province italiane e abbiamo un forte attaccamento all’italianità. Crediamo che siano i nostri soci e le loro capacità manageriali la vera chiave per realizzare un modello di impresa che coniuga mercato e funzione sociale. Abbiamo investito tanto in innovazione e nella creazione di un’insegna-marca Conad forte, riconoscibile in valori e contenuti precisi. E i risultati raggiunti testimoniano che siamo sulla giusta strada».

Sul fronte meridionale, Conad Sicilia conferma le politiche intraprese a livello nazionale, portando a casa risultati positivi nell’ultimo anno. «Nel 2011 le vendite sono cresciute- sottolinea G. Ragusa direttore generale di Conad Sicilia- confermando il successo delle strategie nazionali e delle scelte com­merciali fatte per la tutela del potere d’acquisto delle famiglie e il contenimento dell’inflazione.

Il dato delle vendite dei soci Conad a dicembre, rispetto allo stesso periodo del 2010, a valore omogeneo è del + 3.07. In aumento anche le vendite dei prodotti a marchio e oggi abbiamo una quota della Private Label sul Lcc del 19.44% rispetto al 16.64% dell’anno precedente (Dati Iri). Un risultato che testimonia come i clienti siciliani apprezzino la grande qualità dei prodotti Conad, considerato che la marca privata ha ancora un peso contenuto nei carrelli dei clienti Siciliani (11.8% la quota di mercato siciliana- Dati Nielsen)».

Nella foto da sx Calabrese e Ragusa, rispettivamente presidente e direttore di Conad Sicilia