Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 21 Luglio 2018 - Aggiornato alle 1:00
COMISO - 11/07/2018
Economia - Le trattative sono in corso

Tre società private "credibili" sono interessate ad aeroporto Comiso

Si sta quantificando il valore dello scalo ibleo Foto Corrierediragusa.it

Sono tre le società private che hanno manifestato interesse per assumere la gestione dell’aeroporto di Comiso. Le proposte sono arrivate sul tavolo dell’amministratore delegato di Soaco, Giorgio Cappello, alla scadenza fissata per il 10 luglio. L’Ad definisce i tre potenziali partner «credibili» anche se per questione di riservatezza non fa nomi. Si tratta comunque di società che già operano nel settore ed hanno uno specifico interesse nel rilevare la gestione, seppur «temporanea» del "Pio La Torre" per incrementare il loro giro di affari. Le manifestazioni di interesse provano che il mercato crede nelle potenzialità dello scalo e che Soaco può cominciare a muoversi per concretizzare una proposta economica. In questo senso l’amministratore delegato lavorerà in questi giorni ed ha già dato mandato ad un gruppo di commercialisti ragusani di quantificare il valore dello scalo ibleo. Non è stata infatti elaborata finora alcuna cifra per la sua valutazione ma da questo momento in poi la pratica della gestione in affitto temporaneo subisce un’accelerazione.

Nonostante Comiso perda 200 milA al mese, frutto di 500.000 di spese e di 300.000 di ricavi, ci sono margini operativi ampi per potere migliorare il quadro economico soprattutto alla luce dell’incremento delle tratte. Decisiva appare la pubblicazione del bando per l’incremento dei flussi turistici che è all’esame della Regione e dovrà passare dalle commissioni prima e dall’aula poi perché Soaco possa mettere in campo i quasi 9 milioni di euro destinati all’aumento delle tratte. Dice Giorgio Cappello: «L’avviso esplorativo per la gestione in affitto dello scalo ci conforta e conferma che abbiamo visto bene. C’è chi crede in Comiso. Un po’ meno ci ha creduto il territorio che non ha ancora compreso appieno l’alto valore aggiunto di un aeroporto che porta presenze turistiche considerevoli. Presenze che - conclude l´Ad - spingono il mercato locale in termini di richiesta di servizi, posti letto, trasporti, ristorazione, visite e tutto quello che ruota attorno al turista».