Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 25 Giugno 2017 - Aggiornato alle 14:19 - Lettori online 1764
COMISO - 10/01/2017
Economia - Giorno 20 si dovrebbero sciogliere tutti i nodi

Giorgio Cappello nuovo Ad Soaco?

Si sta scontando l’assenza della nomina con una emorragia di rotte aeree Foto Corrierediragusa.it

Ancora dimezzato il nuovo Consiglio di amministrazione della Soaco e intanto le compagnie si congedano da Comiso. Entro giorno 20 dovrebbe essere nominato l´amministratore delegato di Soaco, società che gestisce l´aeroscalo e, salvo sorprese dell´ultima ora, il nome scelto è quello dell´imprenditore Giorgio Cappello, molto gradito a Confindustria. Intanto, come accennato, non si arresta l´emorragia di rotte aeree da e per Comiso. Questa settimana sarà infatti quella dell’ultimo volo Alitalia per Milano Linate. Era accaduto già per il volo della compagnia di bandiera per Fiumicino e la storia si ripete anche ora. Tutto da vedere se la tratta sarà coperta con l’orario estivo ma tutti i segnali dicono di no. Comiso resta sempre più un aeroporto con preponderante presenza di Ryanair e soprattutto con un piano industriale confuso che sconta i ritardi nella nomina del nuovo amministratore delegato da parte di Intersac. Il comune di Comiso ha già nominato i due suoi rappresentanti nella figura del presidente di Soaco, l’imprenditore bolognese ma di origine comisana, Salvatore Bocchetti e un componente del cda, la riconfermata Silvana Tuvè, ma gli altri tre posti sono ancora in discussione e non si intravedono ancora i tempi per la decisione finale. I risultati sono sotto gli occhi di tutti perché i bandi per le nuove tratte sono fermi al palo e le gare sono andate deserte per ben tre volte, Alitalia se ne è andata visto che non ha trovato alcuna «convenienza» nella sua presenza a Comiso.

Ognuno fa i conti a casa propria e decide di conseguenza e non serve a nessuno piangersi addosso o addebitare alle compagnie l’annullamento o il ridimensionamento delle tratte. Bisogna subito agire, essere credibili e attrattivi. E’ il compito che il nuovo Cda di Soaco deve assolvere ma di questo passo è difficile che si possano soddisfare le aspettative di tutto un territorio.