Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 26 Febbraio 2017 - Aggiornato alle 15:02 - Lettori online 1214
COMISO - 30/12/2016
Economia - Su nomina diretta del sindaco di Comiso Filippo Spataro

Bocchetti presidente di Soaco. Ad non pervenuto

In casa Sac non c’è accordo completo Foto Corrierediragusa.it

Il presidente c’è, per l’amministratore delegato si prega di ripassare. In casa Sac non c’è accordo per la nomina dell’Ad di Soaco, ovvero la società che gestisce l´aeroporto di Comiso, e la questione viene rinviata al nuovo anno. Per il momento, quasi a tacitare i più critici e soddisfare le attese, è stato nominato alla presidenza della Soaco per i prossimi cinque anni Salvatore Bocchetti (foto), 41 anni, comisano di origini, amministratore della Zaccanti, azienda bolognese specializzata nella commercializzazione di apparecchi elettromedicali, ovvero strumenti sottilissimi che contengono micro bisturi e microtelecamere. Bocchetti ha un profilo di tutto rispetto, basti pensare che dal 2009 la sua gestione ha registrato un aumento medio del 12 per cento l’anno. E’ stato il sindaco Filippo Spataro a volere il manager bolognese alla guida dell’aeroporto visto che grazie al 35 per ceto delle quote detenute in Soaco al comune tocca la nomina di due componenti, presidente compreso. Spataro ha poi confermato Silvana Tuvè quale consigliere. Gli altri tre nomi, sono invece di competenza della Intersac, socio di maggioranza in Soaco.

La posizione preminente nella guida del Pio La Torre è quella dell’amministratore delegato, visto il ruolo strategico e di indirizzo che la carica comporta. Evidente come Intersac, e quindi Catania, non voglia sbagliare mossa e pretenda un nome vicino alla sua «filosofia». Al momento restano due i nomi più papabili: l’imprenditore Giorgio Cappello, quale esponente di Confindustria, che peraltro è il più gradito, e Giuseppe Giannone, presidente Intersac.