Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 1009
CHIARAMONTE GULFI - 30/08/2013
Economia - L’assessore regionale alla famiglia in visita in provincia

Bonafede e sindaci su lavoro e famiglia

L’amministratore ha chiarito subito: "La disoccupazione non può essere cancellata con un colpo di spugna" Foto Corrierediragusa.it

Il lavoro che non c’è e il disagio sociale che si porta dietro è stato al centro del confronto che l’Assessore regione alla Famiglia, Ester Bonafede (foto), ha avuto con i sindaci dei Comuni iblei. L’incontro, organizzato dall’Amministrazione comunale di Chiaramonte Gulfi, ha permesso di capire meglio come funzioneranno i «Cantieri di Servizio» che la Regione di accinge ad attuare, coinvolgendo tutti i Comuni siciliani. E’ stata subito chiara l’Assessore Bonafede, evidenziando che non si tratterà di provvedimenti atti a lenire nel tempo la forte disoccupazione che si registra in Sicilia, ma nascono con l’intento di dare un ristoro a chi si trova in serie difficoltà.

Il dibattito ha preso spunto dalla direttiva sottoscritta dall’Assessore Ester Bonafede, con la quale sosto stati indicati i criteri per predisporre i bandi dei Cantieri di Servizio che impiegheranno 20 mila siciliani per tre mesi. Nei cantieri, la cui durata non potrà essere superiore a tre mesi, saranno impegnati soggetti d’età compresa tra i 18 anni compiuti e 65 anni non compiuti, residenti nel comune da almeno sei mesi.

Diverse le domande poste dai Sindaci, soprattutto per chiarire alcuni aspetti operativi, propedeutici al concreto avvio di tali Cantieri di Servizio. L’Assessore Bonafede ha fatto presente che proprio l’altra notte in una riunione operativa, alla presenza del Presidente Rosario Crocetta, sono stati ulteriormente chiarite alcune questioni, in modo tale da rendere quanto più chiara la sua direttiva. L’Assessore alla Famiglia ha poi affermato che nel volgere di pochi giorni, una volta emanata questa nuova direttiva, tutti i Sindaci della Sicilia, divisi in due blocchi (Sicilia occidentale e Sicilia orientale) saranno chiamati a raccolta a Palermo e subito dopo saranno fissati i termini entro i quali presentare i vari progetti. Stando alle parole della Bonafede, la Regione su questi Cantieri di servizio non intende indugiare in nessun modo, avendo ben chiaro che la crisi occupazionale che attanaglia i siciliani impone tempi rapidissimi.

Poco prima di quest’incontro alla sala Sciascia, Ester Bonafede, si è intrattenuta con i Sindaci del Distretto Socio-Sanitario n. 44 (Chiaramonte Gulfi, Santa Croce Camerina, Giarratana, Monterosso Almo e Ragusa). Chiara la questione che impensierisce i primi cittadini: la nuova attribuzione di fondi per mandare a vanti i servizi già avviati. Si è così appeso che questo Distretto ha per tempo avviato progetti importanti, spendendo il budget assegnato e che ora non potrà averne degli altri, considerato che altre realtà siciliane non hanno speso quanto ricevuto. Un vero paradosso. Alla fine chi è stato virtuoso subisce una penalizzazione, mentre chi indugia o non ha progetti credibili può godere di risorse accantonate. L’assessore Bonafede, nel prendere atto positivamente di come ha operato il Distretto 44, ha dato rassicurazioni che i fondi ci saranno. Per garantirli l’Assessore Bonafede ha precisato che intende rimodulare l’assegnazione di risorse fin qui disposta, in modo tale che chi non ha speso i fondi non li trattenga in cassa. Questo criterio operativo è stato accolto favorevolmente da tutti i Sindaci del Distretto che s’incontreranno, nei prossimi giorni, a Palermo con l’assessore Ester Bonafede per definire le azioni conseguenti. Alla fine di questo faticoso confronto che ha impegnato l’Assessore Bonafede per oltre tre ore, il Sindaco di Chiaramonte Gulfi, Vito Fornaro, a nome dei suoi colleghi l’ha ringraziata per la schiettezza e per non essersi sottratta al confronto. «La presenza dell’ Assessore alla Famiglia Ester Bonafede, queste la parole del Sindaco di Chiaramonte Gulfi, Vito Fornaro, ha rappresentato un importante momento di confronto con la provincia Iblea, con la città di Chiaramonte Gulfi che ha fortemente voluto l’incontro. La competenza e la disponibilità dell’assessore Bonafede ha reso quest’incontro proficuo e fruttuoso per la nostra comunità».

Erano presenti alla riunione, il Commissario Straordinario della Provincia regionale di Ragusa, Giovanni Scarso, Il Sindaco di Ragusa, Federico Piccitto, di Giarratana, Bartolo Giaquinta, di Monterosso Almo, Paolo Buscema, di Santa Croce Camerina, Franca Iurato, il Vice Sindaco di Vittoria, Filippo Cavallo, l’Assessore ai Servizi Sociali di Ispica, Mary Ignaccolo, del Comune di Comiso, Vittorio Ragusa, oltre ai rappresentanti dei Comuni di Pozzallo e Scicli.