Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 26 Aprile 2018 - Aggiornato alle 0:35
CATANIA - 09/12/2017
Economia - Prezzi alle stelle per chi arriva o ritorna in Sicilia

Prezzi "salati" per i biglietti aerei in vista delle feste

Anche le compagnie low-cost si adeguano Foto Corrierediragusa.it

Prezzi davvero "salati" in questi giorni per raggiungere in aereo la Sicilia per le vacanze natalizie: per volare da Milano-Linate a Catania, con Alitalia, si può arrivare a spendere fino a 715 euro nel periodo compreso tra il 21 dicembre e il 5 gennaio prossimo. Qualcosa in più se il ritorno viene programmato dopo l’Epifania. Sempre da Linate per raggiungere l’aeroporto di Palermo con la compagnia di bandiera servono 614 euro. Da Roma verso la Sicilia i biglietti aerei sono più abbordabili, ma solo se si scelgono le low cost: Ryanair, ad esempio, offre il Roma-Palermo a 212 euro con il viaggio d’andata il 21 dicembre e il ritorno il 7 gennaio. Stesso prezzo per il tragitto Roma-Catania. Se il passeggero opta per rientrare il 5 gennaio la tariffa si abbassa a 186 euro. Con Alitalia, invece, un viaggio nelle stesse date supera anche i 300 euro. Prezzi inavvicinabili pure con le compagnie low cost se l’aeroporto di partenza è ad esempio Firenze: un volo della Vueling con andata sempre il 21 dicembre e ritorno il 7 gennaio ieri era quotato 483,65 euro.

A differenza di quanto avviene in estate, invece, partire dalla Sicilia alla volta di Roma e Milano costa meno che fare il percorso inverso. Da Palermo Alitalia propone una tariffa di 156 euro per Linate, che scendono a 129 euro da Catania. Il collegamento con Roma, sia da Fontanarossa che da Punta Raisi, ammonta a 83 euro se si sceglie di viaggiare con Ryanair. Venti euro in più circa con l’ex compagnia di Stato. Morale della favola: nel periodo natalizio bisogna sborsare di più per raggiungere la Sicilia che non lasciare l’Isola per andare a Milano o Roma. Una mazzata non solo per i siciliani che studiano e lavorano fuori, ma anche per i nostri connazionali che vorrebbero trascorrere le festività in terra di trinacria.