Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 751
VITTORIA - 25/05/2014
Cultura - Apertura di lusso della settima edizione

Cafiso festeggia 25 anni con il Vittoria Jazz Festival

In compagnia del suo amico chitarrista Francesco Buzzurro Foto Corrierediragusa.it

Francesco Cafiso non poteva festeggiare meglio il suo 25esimo compleanno: ha aperto la settima edizione del Vittoria Jazz Festival, da direttore artistico, in compagnia del suo amico chitarrista, Francesco Buzzurro, e con un teatro Comunale strapieno, un pubblico caloroso che ha partecipato attivamente al concerto. A Francesco Buzzurro, definito dal maestro Ennio Morricone ‘il più grande perché rende fruibile a tutti la musica colta’, è toccato l’onere e l’onore di aprire il Vittoria Jazz: «Una grossa responsabilità – ha detto il musicista di Taormina – ma ne vado fiero, perché con il tempo questo festival è diventato punto di riferimento per cultori della materia».

Buzzurro ha messo in campo un vastissimo repertorio musicale, spaziando da brani allegri e coinvolgenti a melodie un po’ più struggenti come ‘Nacer Boy’ del film ‘Moulin Rouge’, per poi chiudere con un bellissimo tributo ai Beatles. Il tutto prima di chiamare l’amico Francesco Cafiso sul palco per il bis ed eseguire una melodia tratta dall’ultimo album del chitarrista taorminese (in uscita a breve), dal titolo ‘Heart of emigrants – Cuore di migranti’.

«Un brano triste che vuole descrivere la sofferenza e la paura di questi uomini che attraversano il Mediterraneo per fuggire dalla guerra e dalla miseria». E ha aggiunto: «E’ una melodia del tutto ‘sicula’ che voglio suonare in coppia con Francesco per il suo 25esimo compleanno e per dirgli quanto sia alta la mia ammirazione nei suoi confronti. E’ un genio assoluto del sax che ha raggiunto con la maturità una sua personale e invidiabile cifra stilistica». Poi la chiusura con due brani: uno scritto e composto da Francesco Cafiso, ‘Preludio alla Banda’ (tratto dal nuovo album che uscirà ad ottobre insieme ad altri due dischi) con un Cafiso inedito, nei panni anche di pianista. Ed infine un omaggio a Duke Ellington con ‘Caravan’.

«Un sodalizio consolidato il nostro – ha detto Francesco Cafiso – non solo perché da anni lavoriamo assieme e abbiamo un po’ di progetti in comune, ma anche per la stima che ho nei suoi confronti, professionalmente e umanamente parlando». Il concerto di Francesco Buzzurro è stato anche l’occasione per presentare al pubblico il cartellone musicale del festival che inizierà il 7 giugno con un concerto di Anne Ducros e tutti gli eventi collaterali: le degustazioni di prodotti tipici iblei, inserite nel progetto ‘Note in bocca’, e soprattutto del vino Cerasuolo, unica Docg del meridione d’Italia, motivo di richiamo per molti turisti provenienti dalla Sicilia e dall’Italia. E poi ancora la ‘Rotary Run & Jazz’, gara podistica in programma il 15 giugno, il premio Awards per i giovani promettenti jazzisti promosso, come tutti gli anni, dal Rotary Club di Vittoria; la rassegna cinematografica ‘Vittoria Jazz & Blues Film Festival’ ed infine tutte le mostre e le installazioni artistiche inserite nel progetto ‘Effettoarte’ che si terranno nel centro storico della città e nel quartiere degli artisti.